15 Settembre 2019
Il Grande Nome
percorso: Home

Il Grande Nome

IL GRANDE NOME DEL PADRE PARADISIACO
Riguardo alla copertina

L´archeologia dissotterra continuamente prove positive riguardo al Nome personale del
Creatore. Questa è una sezione di un commentario di 14 righe sul Libro di Habakkuk, trovato a Qumran fra i Manoscritti del Mar Morto. Composto approssimativamente verso il 50 a.C., il rotolo di carta è scritto principalmente in alfabeto aramaico moderno, scrittura che noi riconosciamo come israelitica. Qui abbiamo la prova che gli Scribi
riverirono il Nome del Creatore a tal punto che quando ne andarono ad argomentare, lo scrissero nel più antico stile paleo-israelitico. Si può osservare il Nome di 4 lettere (Tetragrammato) al centro della quinta riga, cominciando a leggere dall´alto. Le citazioni che fecero provengono da Habakkuk 2:13-14.
Riconoscimento

Ringraziamo sentitamente Smith DeWitt per il suo contributo letterario che costituisce la base di questo libretto.

La dottrina del battesimo non fu accantonata o abolita su larga scala a causa delle differenti maniere di metterla in pratica. Lo stesso si può dire della dottrina della tribolazione. Alcuni credono che il Messia ritornerà prima della tribolazione, altri, durante la tribolazione ed altri ancora, dopo. Ma noi non condanniamo la dottrina intera a causa delle divergenti opinioni, fin quando non avrà avuto luogo. Quindi, perché lanciare anatemi sulla dottrina del Nome per colpa di piccole differenze che esistono sulla pronuncia del Suo Nome? I suoi Santi non saranno mai della stessa opinione su tutte
le dottrine finché il nostro Redentore non verrà a mietere il grano ( che abbiamo seminato ). Noi, dobbiamo lavorare uniti lo stesso, per il conseguimento della verità, per quanto è possibile.
Lo studio attesta che la migliore traslitterazione inglese del Nome santo è "Yahweh. " Quasi tutti i traduttori delle Sacre scritture sono d´accordo su Yahweh, ma alcuni di loro evitano di usarlo nelle loro traduzioni a causa dell´abitudine e della tradizione.
La difficoltà per la maggior delle persone, non è tanto lo spelling, la pronuncia o il significato del Suo Nome, ma è il suo uso. Possiamo affermare che chi veramente desidera vivere secondo la parola biblica, percorrerà la strada della verità e della luce che gli è stata mostrata.
l Grande Nome del Padre Paradisiaco
Cosa penseresti di un uomo che non ha mai menzionato il nome di sua moglie in tutta la sua vita coniugale, e che si è sempre riferito a lei con l´appellativo di "moglie"? Supponi che un nuovo dottore venga in città e che un tuo amico lo abbia presentato come il "Sig. Dottore."
Cosa Ti farebbe capire di lui, che tu già non sappia?
Anche se i titoli a volte ci svelano il mestiere, la professione o la vocazione di una persona ,non differenziano l´individuo da tutti gli altri individui che esercitano la sua stessa professione o che fanno il suo stesso mestiere. Di certo puoi notare che sarebbe inopportuno riferirsi a un uomo o a una donna, per tutta la vita, con i soli titoli.
Come potresti distinguere le opere di un compositore o di un grande o artista se ti riferissi a loro chiamandoli " sig. compositore" o " sig. artista"? I titoli corretti possono essere utili, ma soltanto il nome corretto può identificare un individuo specifico.

Se passi tutta vita a non identificare i tuoi amici per mezzo dei loro nomi, ma soltanto tramite i titoli, sorgerebbe, spontanea, una domanda nella mente dei tuoi amici e delle altre persone, vale a dire: "Perchè ti rifiuti di pronunciare i loro nomi?"
La logica e la necessità d´identificare gli individui attraverso i loro nomi propri è evidente, ma il paradosso dell´intera faccenda è che la maggior parte della gente non riesce a rendersi conto che Colui che adorano come "Dio onnipotente" ha un nome personale e che ( lo stesso Dio ) desidera che la sua gente lo distingua dagli "Altri
Onnipotenti".
Coloro che non capiscono l´importanza del suo Nome, dicono: "Oh, io Lo conosco, so cosa significhi , quindi, che differenza fa come lo chiami?" Che succederebbe se firmassi un assegno all´ "uomo" o alla "donna" oppure alla "signora" o al "ragazzo"? Sicuramente non si capirebbe a chi vuoi trasferire l´assegno. Se venisse perso, chiunque potrebbe incassarlo, perché potrebbe essere indirizzato a qualsiasi persona. Sicuramente, in quel caso, non sosterresti più che "non fa differenza, ma sapresti chi hai in mente ( ti ricorderesti del suo nome )." Faresti molta attenzione ad inserire nell´assegno il nome corretto.
E´ molto importante usare il Nome personale corretto ( piuttosto che un mero titolo) di Colui che ha creato quest´ Universo, che comprende anche te.

Anticamente, ad Israele, vi erano molte persone che identificavano il nome dell´ "Onnipotente" - Colui che ci ha fornito tutto quello di cui avevamo bisogno e che ci ha donato la pioggia ed il sole nelle dovute stagioni - ma lo hanno fatto riverendolo con un titolo che significa "Signore", vale a dire, un titolo che sostituiva il vero Nome dell´ Onnipotente. Ciò ha infastidito l´Onnipotente, come appunto ci viene indicato nel seguente testo. " Per quanto tempo le bugie di questa profezia rimarranno nel cuore dei profeti?
Sicuramente profetizzano la falsità del proprio cuore; cosa pensa di ottenere la mia gente cancellando il MIO NOME dai loro sogni, ossia il nome che ripetono ad ogni uomo e ad ogni vicino; (stanno agendo ) come i loro padri, che hanno DIMENTICATO IL MIO NOME sostituendolo con BAAL (Geremia 23:26, 27).
Se l´ Onnipotente fosse dispiaciuto per l´uso del titolo "Baal," che la sua gente aveva sostituito al suo nome, perchè Egli non dovrebbe dispiacersi anche per l´uso del suo equivalente inglese "Lord", che la gente sta oggi usando in luogo del suo nome? Lo stesso è valido per il titolo"dio." Questo titolo "dio" era originariamente una parola
teutonica, usata nel culto degli idoli dalle tribù pagane dei teutonici (vedere " dio," Il Dizionario d´Inglese Oxford). Nella loro conversione al Cristianesimo hanno utilizzato lo stesso titolo e lo hanno sostituito a quello del Vero Onnipotente, nel loro nuovo culto. Oggi, i titoli God ( Dio ) e Lord ( Signore ) sono considerati i
titoli giusti per identificare l´Essenza Suprema. Comunque, la Bibbia ci spiega ciò in maniera diversa. Le Scritture dichiarano che il nostro Creatore è un Creatore "geloso del Suo Nome Santo " (Ezechiele 39:25; Esodo 23:13). Ciò significa che Egli desidera che usiamo il Suo Nome con rispetto, in modo da poterlo distinguere da tutte le altre divinità.

Il titolo di Baal di è stato usato precedentemente in riferimento a un signore o a un padrone di casa o ad una persona che esercitava un´autorità.
Una volta usato in quel senso fu considerato appropriato anche quando fu ( utilizzato per descrivere l´Onnipotente ) applicato all´ Onnipotente.. Ma quando questo titolo divenne una sostituzione esclusiva del Nome santo dell´Eccelso, e dopo essere stato associato al
culto religioso pagano, il titolo fu odiato dall´Onnipotente. La stessa pratica abominevole, praticata anticamente a Israele, di usare titoli per il vero Nome dell´Eccelso, è praticata tuttora nella Cristianità. Il mondo cristiano ha dimenticato il Suo Nome, favorendo i titoli generici di Dio e Signore ( God e Lord ).
Anche se il Suo Nome Santo è stato usato approssimativamente 7,000 volte nelle Sacre scritture, raramente lo si può udire nel moderno e attuale Cristianesimo. La sostituzione è stata quasi totale. La colpa di tutto ciò ricade sugli scribi ebrei che si sforzarono di preservare e nascondere il Nome che consideravano troppo sacro per il mondo pagano.

Quale è il Suo Nome, allora?

Qual´ è il Nome corretto dell´Eccelso? "Baal" o il suo equivalente inglese "Lord - Signore" non è il Suo Nome. Nessuno di questi titoli che stanno per "Dio" e che i pagani usarono nei loro culti. Anche Satana è chiamato dio nella Bibbia, "il dio di
questo mondo attuale". ( Corinzi 2, 4:4). Ci sono "molti dei e signori", come l´Apostolo Paolo affermò in Corinzi 2, 8:5. Usando questi titoli non viene identificato Quello ( il Dio ) che intendi adorare. Scrivendoli con lettere maiuscole, nemmeno aiuta. Non è abbastanza affermare che le nostre intenzioni sono buone, ( quando pronunciamo il suo nome ) se il nostro Eccelso ha affermato migliaia di volte nel Vecchio Testamento qual´è il Suo specifico Nome-e mette in risalto ripetutamente la sua volontà di farcelo
usare.
Nella maggior parte delle traduzioni bibliche non leggeremo il Suo Nome Santo, perché i traduttori hanno utilizzato i titoli "Dio e Signore" al posto del Suo Nome Santo. Però,
noi abbiamo la possibilità di ripristinarlo quando leggiamo le Sacre scritture. Nella maggior parte delle Bibbie di Re James, dappertutto si può osservare "Signore" o "Signore Iddio" in lettere maiuscole nel Vecchio Testamento , i testi ebraico - masoretici possiedono i caratteri ebraici . Queste quattro lettere israelitiche, quando furono traslitterate in lingua inglese furono scritte "YHWH."
(Traslitterare vuole dire portare un suono di una parola da una parte all´altra, ossia da una lingua all´altra - trascrivere una parola o un testo usando un alfabeto diverso da quello originale) Le quattro lettere si riferiscono spesso al Tetragrammato.
L´alfabeto israelitico consta di 22 consonanti e nessuna vocale, eccetto alcune di queste consonanti che suoni vocalici. Accade così che le tre lettere israelitiche-lo Yothe (Y), la He (H), ed la Waw (W) che costituiscono il Nome Santo—sono note come lettere
vocaliche. Quando i suoni vocalici di queste lettere sono inclusi nelle quattro consonanti che costituiscono il Nome santo, abbiamo la traslitterazione inglese "YaHWeH."
Quasi ogni dizionario moderno o enciclopedia prova che Yahweh è la traslitterazione inglese e corretta del Tetragrammato.
Nella traduzione di Re James e negli antichi scritti possiamo trovarlo sotto forma di "Geova." Ma questa parola è incorretta, ed ogni autorevole specialista moderno potrà informerarci su quanto detto.
Le vocali che furono usate per coniare la parola "Geova", furono prese dall´ israelitico "Adonai". La parola "Geova" non è presente nelle Scritture Ebraiche. È un´invenzione del 14° secolo per opera della Chiesa Cattolica Romana, e tradizionalmente accettata dai protestanti fino all´età moderna, quando fu scoperto che ,questa, non
era la traslitterazione corretta del Nome sacro. Ora che sappiamo che "Geova" non è corretto, dobbiamo, nell´interesse della precisione e della correttezza, astenerci dall´usarlo.
Gli Ebrei preservarono il Nome Sacro nelle Antiche Sacre Scritture.
Studiosi ebrei dovrebbero sapere, ammesso che qualcuno la sappia, la verità sul Nome di Colui che essi stessi adorano. Agli scribi giudaici fu affidata la preservazione delle Sacre Scritture, Romani 3:1-2. La migliore fonte moderna, l´Enciclopedia Giudaica, ha da dire sul Nome Santo quanto segue, ed il perché della diffusione del nome ibrido "Geova". Quanto segue è tratto dal vol. 7, pagina 680 sotto l´intestazione "YHWH."

"Il nome personale del Possente d´Israele è stato scritto nella Bibbia israelitica con le quattro consonanti YHWH e si attribuisce ad esso il nome di ´Tetragrammato.´ Almeno fino a quando non fu distrutto il primo Tempio nel 586 a. C. , questo nome fu pronunciato regolarmente, con le sue vocali corrette, che risulta chiaro dalle Lettere di Lachish, scritte poco prima di quella data. Ma almeno dal terzo secolo a. C., la pronuncia del nome che YHWH è stata evitata, ed Adonai, ´il Dio´, fu usato al suo posto, come attestato dall´uso della parola greca Kyrios, ´Dio", che sta per YHWH nella Bibbia dei Settanta (Septuagint), la traduzione delle Sacre scritture israelitiche, che furono iniziate in quel secolo dagli Ebrei che parlavano greco.
"La ricorrente forma biblica combinata ´Adonai YHWH, fu letta come ´Adonai Elohim´, ´ Signore Iddio.´ Nei primi secoli dell´Età Media, quando il testo consonantico della Bibbia fu dotato di vocali per facilitarne la sua tradizionale lettura, le parti vocaliche di ´Adonai´- a parte una variazione — uno sheva col primo Yod di YHWH invece di hataf-patah secondo l´alfabeto di "Adona"—furono ( aggiunte a ) usate per YHWH, producendo così la forma YeHoWaH. Quando gli studiosi cristiani dell´Europa cominciarono a studiare l´ ebraico, non capirono quello che realmente significasse questo ( questa parola ), e introdussero il nome ibrido di ´Geova.´ Per evitare di pronunciare anche il nome sacro ´Adonai´ in luogo di YHWH, fu aggiunto più tardi "teh" , semplicemente con l´intento di voler dire in ebraico "ha-lei" (o in lingua aramaica Shema, [il Nome]), da come si denota anche in questa espressione: ´Benedetto sia colui che viene nel nome di YHWH (Salmo 118:26). Il tentativo d´impedire alla gente di pronunciare il nome YHWH è viene attribuito ad un senso di riverenza. Più precisamente, fu causato da un malinteso del terzo Comandamento (Esodo 20:7; Deuteronomio 5:11), interpretato ´Tu utilizzerai invano il nome di YHWH´, mentre, in realtà, vuol dire, ´Non giurerai falsamente sul nome di YHWH (SPE).
"La vera pronuncia del nome YHWH non è stata mai persa. Molti tra i primi scrittori greci della Chiesa cristiana testimoniano che il nome fu pronunciato ´Yahweh.´ Questo è confermato almeno per la vocale della prima sillaba del nome, dalla forma più corta Yah, che viene usata qualche volta in poesia (Esodo 15:2) e dalla forma-Yahu o-Yah che funge da sillaba finale in molti nomi israelitici."

Come prima affermato, se ci sono persone che sanno come pronunciare il Nome Santo dell´Elohim d´Israele, quelli dovrebbero essere i preti e gli scribi ebraici. Essi sostengono che il Nome non è stato mai perso e che dovrebbe essere pronunciato, in inglese, appunto Yah-weh. La lettera finale "h" è muta, e la "e" è pronunciata come nella parola "they."
Nota la citazione al di sopra, dell´Enciclopedia Giudaica, che ha affermato che la "forma più corta" del Sacro, e Santo Nome del Creatore era "Yah." Questo fatto è stato provato anche nella Traduzione ( della Bibbia ) di Re James . Il Nome abbreviato di "Yahweh" è appunto "Yah", ma è scritto "Jah" nel Salmo 68:4. Gli ebrei non avevano la "J" nel loro alfabeto e nemmeno gli inglesi la ebbero fino a 1565. Chiunque abbia letto la letteratura medievale, scritta prima di questo periodo, sa che la lettera che ora è una "J" , era precedentemente una"Y." La "Y" e "J" hanno praticamente lo stesso valore consonantico.
Ci sono delle versioni della Bibbia in cui i traduttori hanno ripristinato il Nome Santo nel Vecchio Testamento, traslitterandolo correttamente in lingua inglese. Possiamo ritrovare il Nome Santo, ripristinato nella Bibbia Enfatizzata di Rotherham, nella la Bibbia Cattolica di Gerusalemme e nella Bibbia dell´Ancora della Salvezza. Comunque, questa correzione è stata fatta solamente nel Vecchio Testamento. Non è stato ancora capito il motivo per cui questa stessa pratica di ripristinare il Nome Santo nel Vecchio Testamento non potesse essere seguita nel Nuovo Testamento. Non è stata nemmeno fatta ( la correzione, il ripristino del Nome Santo ) dove gli scrittori del Nuovo Testamento hanno citato, direttamente dal Vecchio Testamento, i passi che contenevano il Nome Santo.
La loro riluttanza a farlo ( ripristinare il Nome Santo ), era dovuta in parte al loro desiderio di seguire il popolare e tradizionale uso del "Theos" greco (Dio) e "Kurios" (Signore), parole che erano state ritrovate nei vecchi manoscritti greci. Molti stavano cominciando anche a credere che il Nuovo Testamento fosse stato scritto in greco.
Ciò non fu mai provato. Le scritture originali del Nuovo Testamento non sono state mai ritrovate. I libri del Nuovo Testamento, che sono in nostro possesso, sono solo traduzioni di differenti copie. La maggior parte degli studiosi moderni, oggi è d´accordo sul fatto che, a causa dell´evidenza testuale ( dei testi ), i libri di Matteo, Ebrei e Rivelazione siano stati scritti originariamente in ebraico. I numerosi ebraismi, unici nella lingua del Nuovo Testamento, sono una forte rivendicazione della sua originale scrittura israelitica. C´è la possibilità che il Libro di Luca e alcuni degli scritti di Paolo possano essere stati scritti originariamente in greco, ma non c´è nessuna prova accertata. Luca e Paolo erano gli unici autori del Nuovo Testamento, capaci di scrivere in greco.
Per il gusto di discutere, ammettiamo che il Nuovo Testamento sia stato scritto interamente in greco. Ciò non proverebbe che il Nome Santo è stato tradotto in greco, ed è impensabile che gli scrittori ebraici del Nuovo Testamento avessero sostituito il nome di Yahweh con il titolo greco "Theos" e "Kurios".
La prima versione greca del Vecchio Testamento includeva il Nome del Creatore.
La sostituzione del Nome Sacro con i suoi surrogati "Dio e Signore" ebbe luogo, gradualmente, dopo il primo secolo. Le prime copie del "Septuagint - Bibbia dei Settanta" (traduzione greca del Vecchio Testamento) mostra che il Nome Santo è stato mantenuto nella scrittura paleo-ebraica, e che fu scritto in caratteri dorati. Anche le copie dell´ Hexapla di Origen (un padre della chiesa del terzo secolo) mostra che il Tetragrammato fu scritto in lingua aramaica quadrata ( Square Aramaic ), anche se il resto del testo è stato scritto in greco. (Si osservi la copertina esplicativa della stessa opera, fatta dagli scribi ebraici).
Giorgio Howard, professore associato di religione e lingua ebraica presso l´Università della Georgia, è l´autore di molti libri sulla prima teologia cristiana. Nel marzo 1978, quando pubblicò il suo libro " Revisione Archeologica della bibbia - Biblical Archaeology Review" (Vol. IV, N.ro 1, pp. 13-14), riguardo alla conservazione del Nome "Yahweh" nelle prime traduzioni greche, dice:

"Nel 1944, E. G. Waddell scoprì, i resti di un papiro egiziano (il Papiro Fuad 266) risalente al primo o al secondo secolo a C. che includeva parte del Septuagint. In nessun esempio ( parte ), comunque YHWH era stato tradotto kyrios. Invece, il Tetragrammato stesso-in caratteri aramaici quadrati -fu scritto in greco. Questo mette in parallelo l´uso della scrittura paleo-israelitica dei sostenitori di Qumran con il Nome Divino, in un documento che fu scritto, diversamente, in aramaico quadrato.
"Il papiro di Fuad è il primo esempio che abbiamo esaminato, risalente al primo o al secondo secolo a. C. . Qui possiamo riscontrare di sicuro, la testimonianza che per la prima volta in periodo paleo-cristiano, il Septuagint-La Versione( Bibbia ) dei Settanta, almeno qualche volta, non ha tradotto il nome divino con la parola greca kyrios, come si poteva immaginare; piuttosto preservò la stessa parola israelitica YHWH.
"Noi, ora, possiamo affermare con certezza che era pratica ebraica, prima, durante e dopo il periodo del Nuovo Testamento, scrivere il Nome Divino in paleo-ebraico o scrittura aramaica quadrata o traslitterato ( Il Nome ) proprio nel testo greco delle Sacre Scritture. Questo presenta una somiglianza impressionante con le copie cristiane della Bibbia dei Settanta e le sue citazioni presenti nel Nuovo Testamento che traducono il Tetragrammato con i termini Kyrios o Theos.
"Il nome divino YHWH era la parola più sacra della lingua israelitica.
Quindi non è molto improbabile che gli ebrei, di ogni specie, l´abbiano rimosso dalle loro Bibbie. Inoltre siamo venuti a conoscenza, attraverso scoperte avvenute in Egitto e nel deserto giudeo, che gli ebrei scrissero il Tetragrammato in ebraico, anche nei loro testi greci. Con molta probabilità gli ebrei cristiani agirono allo stesso modo con il nome divino e continuarono a preservarlo in ebraico nelle loro Bibbie. Un famoso passaggio rabbinico (Talmud Shabbat 13:5) argomenta sul problema di distruggere i testi eretici (molto probabilmente, inclusi i libri ebraico-cristiani). Il problema, per lo scrittore rabbinico, sorge, quando si accorge che i testi eretici contengono il nome divino, e la loro totale distruzione includerebbe la distruzione del nome divino. Ciò, ulteriormente, dimostra che gli ebrei cristiani non tradussero il nome divino in lingua greca.
"Prima di tutto, per quanto riguarda il Vecchio Testamento: gli scribi giudei preservarono il Tetragrammato nelle loro copie del Septuagint ( Versione dei Sette ) sia prima sia dopo il periodo che racchiude il Nuovo Testamento. Con molta probabilità, gli ebrei cristiani scrissero il Tetragrammato anche in ebraico. Verso la fine del primo secolo cristiano, quando la chiesa era divenuta prevalentemente pagana, non ci fu più motivo di trattenere ( preservare ) il nome israelitico Yahweh che fu sostituito con le parole kyrios e theos nelle copie cristiane dei Septuagint ( Versioni dei Settanta ) del Vecchio Testamento. Kyrios e theos, furono scritti in forma abbreviata con il consapevole scopo di preservare la sacra natura del nome divino.
Presto il significato originale delle contrazioni fu perso e molte altre parole contratte furono aggiunte.
"Un modello simile, probabilmente, si sviluppò nel Nuovo Testamento".
Dato che il Septuagint, che la chiesa del Nuovo Testamento aveva usato e citato, conteneva la forma israelitica del nome divino, gli scrittori del Nuovo Testamento senza dubbio inclusero il Tetragrammato nelle loro citazioni. Ma quando la forma israelitica che stava per il nome divino fu eliminata, favorendo le sostituzioni greche nel Septuagint, essa fu eliminata anche dalle citazioni del Vecchio testamento del Septuagint.

"Così verso la fine del primo secolo cristiano, l´uso dei surrogati (kyrios e theos) e le loro contrazioni devono essere state espresse al di fuori del Tetragrammato israelitico in entrambi i Testamenti. Dopo non molto tempo, il nome divino si perse nella chiesa pagana, fatta eccezione per quanto riflesso ( per quello che ne rimase nei surrogati ... ) dai surrogati contratti o ricordati dagli studiosi."

Ti sei mai soffermato a pensare, leggendo la Bibbia, a quante volte proprio la parola "Nome" sia stata usata con riferimento alla Famiglia Divina? Il Nome Yahweh è stato usato approssimativamente 7,000 volte nel Vecchio Testamento, e sarebbe apparso centinaia di volte nel Nuovo Testamento. Gli scribi israelitici indicarono ( registrarono ) la presenza del Nome nel Vecchio Testamento, ma per quanto riguarda le centinaia di volte che sarebbe dovuto apparire nel Nuovo Testamento, non troviamo nessuna indicazione. Se ne sta perdendo traccia ( del Nome ) anche in quei casi in cui il Nome Santo è stato citato direttamente nel Vecchio Testamento. Ma come indica Giorgio Howard, la ricerca indica che l´ Assemblea Apostolica del Primo Secolo scrisse " il Nome anche nei suoi testi greci."


Gli ebrei considerarono il Nome santo (, YHWH) come la parola più santa nella Bibbia, ed è impensabile che gli autori, ispirati dallo Spirito Santo del Nuovo Testamento, l´abbiano eliminato dalle loro scritture originali. Dovrebbe essere così, specialmente in quegli esempi, dove le dirette citazioni furono tratte dal Vecchio Testamento.
Permetteteci di esaminare solo alcune delle molte citazioni forniteci nel Nuovo Testamento. In Matteo 4:4, le traduzioni di Re James dicono:
"Ma Lui rispose e disse, ´è scritto, l´uomo non vivrà di solo pane, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.´
* Il nostro Redentore ha citato il Deuteronomio 8:3, in questo passaggio. Pensi davvero che il nostro Redentore disse la parola "Dio" quando citò questo verso del Vecchio Testamento? Nel Deuteronomio 8:3 nelle Traduzioni di Re James troverai la parola inglese "Signore" in lettere di maiuscole. Dovunque appaia la parola "Signore" in lettere maiuscole nel Vecchio Testamento, appare la Scrittura israelitica (YHWH—Yahweh), che è il Suo Nome Santo . Se si possiede la Bibbia Enfatizzata o la Bibbia di Gerusalemme Lo si troverà traslitterato in "YAHWEH" nelle loro traduzioni. Siccome Matteo 4:4 è una diretta citazione del Deuteronomio 8:3, il Nome "Yahweh" sarebbe dovuto apparire anche nel Nuovo Testamento . Permetteteci di prendere in considerazione un altro passo, precisamente quanto scritto in Re James:
"E le Sacre scritture che furono completate dicono, ´Abramo credeva in Dio, e fu amato da Lui per la sua rettitudine: ´ ed è stato chiamato l´amico di Dio." (Giacomo 2:23) Giacomo ha preso le sue citazioni, qui, dalla Genesi 15:6, nel Vecchio Testamento. Di nuovo, Si potrà riscontrare, ,in Re James, il titolo "Signore" in lettere maiuscole che indica che è stata apportata una sostituzione al vero Nome santo ed originale, "Yahweh."
Riscontriamo, poi, che i traduttori, in tali citazioni del testo israelitico , apposero i titoli inglesi di "Dio" e "Signore" al posto del Nome Sacro, quando lo trovarono, come possiamo leggere nel: Deuteronomio 6:13 - Matteo 4:10;Salmo 118:23 - Matteo 21:42; Deuteronomio 6:5 - Matteo 22:37; Salmo 110:1 - Matteo 22:44; Isaia 61:1-2 - Luca 4:19; ed Isaia 54:13 - Giovanni 6:45.
In Romani 10:13 si legge testualmente, "Chiunque farà appello al nome del Dio sarà salvato." Questa citazione è di Gioele 2:32. Qui, ancora una volta, quando noi esaminiamo la traduzione di Re James , nel Vecchio Testamento, troviamo la parola "Signore - LORD" in lettere maiuscole . I traduttori non avrebbero dovuto sostituire il Nome sacro e avrebbero dovuto lasciarlo così come appariva nel testo israelitico del Vecchio Testamento, né avrebbero dovuto farlo nel Nuovo Testamento, dato che gli scrittori del Nuovo Testamento estrapolarono le loro citazioni dal Vecchio Testamento. Seguire è il passo in Gioele 2:32, che dovrebbe essere letto in questo modo, e nel quale il testo è stato traslitterato così dalla Bibbia Enfatizzata di Rotherham: "E accadrà che chiunque farà appello al nome di Yahweh sarà salvato."

Il Nome del Redentore Contiene la Promessa della Salvezza

L´Apostolo Paolo fu mandato nel mondo pagano come missionario, per proclamare il Nome Santo di Yahweh. Si Osservi la lettura del verso 14 di Romani 10: "Come chiameranno, poi, Colui [Yahweh-shua] nel Quale non hanno creduto? E come crederanno in Colui[Yahweh-shua] che (loro stessi) non hanno mai ascoltato? E cosa mai ascolteranno se non c´è un predicatore [ che usi il Nome Santo]? " All´ apostolo Paolo, così come a tutti gli altri discepoli, fu comandato di predicare, ad ogni angolo del mondo, la penitenza e la salvezza per mezzo del Suo Nome Santo (Marco 16:15, Luca 24:47). Quando l´Apostolo Pietro fu interrogato dai preti, che volevano sapere "per mezzo di quale nome" avesse guarito l´ uomo impotente, lui rispose: "Sia noto a tutti e a tutta la gente d´Israele che il suo Nome è YAHSHUA , il Messia di Nazareth e che voi inchiodaste (crocifiggeste) Colui che Yahweh resuscitò dalla morte, ed è ancora per mezzo di Lui che quest´uomo sta qui di fronte a voi, integro. Questa è la Pietra che fu resa immortale dai suoi costruttori e che è divenuta la punta dell´angolo. Non c´è salvezza in nessun altro [ Nome]: per cui non c´è nessun altro nome in cielo e che sia stato donato agli uomini, per mezzo del quale saremo salvati" (Atti 4:10-12).
Se le persone non hanno mai ascoltato il Suo Nome perché non gli è stato mai predicato, poi, rifacendoci alle Sacre Scritture, come possono essere salvati o protetti da quel Nome? Alcuni dicono che non è il Nome che è importante, che un Nome non salva, ma che è la "persona" che salva. Questo è un tentativo di acquietare le coscienze, che viene fatto da coloro che rifiutano di usare il Nome con cui l´angelo Gabriele disse a Giuseppe (Yowceph) e Maria (Miriam) di chiamarLo. Questo tentativo di dividere il Suo Nome dalla Sua Persona non può essere fatto. Il suo Nome identifica la Sua Persona, e l´uno esiste perché esiste l´altro ( sono una cosa sola ). Il suo Nome è intrinseco al suo vero essere perché il suo Nome ha un "significato".
Il testo precedente mostra che il suo Nome possiede il potere della salvezza. Noi lo proveremo adesso.

Un Ebreo con un Nome Greco-Latino?

Avrete notato che abbiamo dato un Nome israelitico al nostro Redentore nel testo sopra citato, il Nome che l´angelo Gabriele disse a Giuseppe e con il quale avrebbe dovuto chiamarlo. L´angelo disse a Giuseppe: "E lei [Miriam] porterà alla luce un Figlio, e tu lo chiamerai [non con il nome greco-latino "Gesù" che leggiamo nella nostra Bibbia, ma] Yahshua: e Lui salverà la Sua gente dai loro peccati" (Matteo 1:21).
Il Nostro Redentore è nato dalla tribù di Judah. Egli era un ebreo, e gli fu dato un nome israelitico-non un nome greco, latino o inglese. Il suo nome dovrebbe essere soltanto uno e dovrebbe essere lo stesso per tutte le lingue . Non fare così, significa profanarLo, e profanarLo è una violazione del terzo Comandamento, "Tu non pronuncerai il Nome di Yahweh o di Elohim invano [non lo dissacrerai]; Yahweh non considererà innocente colui che ha pronunciato erroneamente il Suo Nome (Esodo 20:7).

Ci sono modi diversi di pronunciare il Suo Nome invano (che vuole dire falsificare, in ebraico) ma il modo più diffuso oggi, anche se nella maggior parte dei casi è dovuto all ´ignoranza, è costituito dall´uso di una forma scorretta. Se si rimuove il nome di un autore dai libri che ha scritto e li si ristampa con un altro nome, si starebbe falsificando il suo lavoro. Lo stesso avviene se si sostituisce il Nome di Yahweh con un altro nome. Qualsiasi cosa, una persona che crede in Yahshua, faccia, ebbene, deve farla con il dovuto rispetto per quel Nome che l´angelo ci ha rivelato, e quindi farla "In onore del Suo Nome" (romani 1:5).
Il nome Gesù è la traduzione greca, latinizzata, di Joshua (un´alterazione del nome israelitico Yahshua ). Joshua assunse più tardi la forma Jeshua che spiega la "e" in Jesus. La desinenza finale "us" fu aggiunta per indicare il nominativo maschile.
( libretto, "la J Mancante" che spiega dettagliatamente questa trasformazione.) Il Redentore non fu chiamato mai Gesù durante la sua vita. Infatti, il nome "Gesù" prima non esisteva, risale a circa 500 anni fa, come indicano gli studiosi.
Il problema è costituito dal fatto che il Nome che noi adoriamo, provoca la sofferenza dell´eletto di Yahshua. Le Scritture affermano :
"Poi, essi vi libereranno dall´afflizione, e vi uccideranno; e sarete odiati da tutte le nazioni a Causa" del Mio Nome (Matteo 24:9).
Un´ altra versione ( traduzione ) dice "in considerazione del Mio Nome." O. H. Rieu, nella sua traduzione del Libro degli Atti, lo dice addirittura più chiaramente: " Sarete odiati dal mondo pagano proprio perché USERETE IL MIO NOME. . . "
All´Apostolo Giovanni furono mostrati, in una visione, gli ultimi eventi del mondo ( gli eventi che precederanno la fine del mondo ) . Egli afferma che quello che servirà a distinguere i falsi adoratori dai veri adoratori di Yahweh sarà un "marchio" (sigillo) o il nome della Bestia, perché sarà un marchio o sigillo contrapposto al Nome del Padre, come possiamo denotare in Rivelazione 13: "E lui aveva il potere d´infondere la vita all´immagine della bestia... E nessun uomo potrà comprare o vendere, salvare chi abbia avuto il marchio, il nome della bestia, o il numero del suo nome... (v. 15, 17) "E io ho guardato, ed ecco un Agnello che stava in piedi sul monte Sion, e con Lui quattromilacentoquaranta che avevano il Nome di Suo Padre scritto sulle loro fronti". (14:1; vedere anche Rivelazione 7:3-4)
Le Sacre scritture dicono che il Redentore giunse sulla terra in Nome di suo Padre. Egli riunì i Suoi discepoli nel nome di Suo padre.
Ma "Gesù Cristo" non è il Nome del Padre. Il nostro Redentore affermò chiaramente, "io sono venuto nel Nome" di mio Padre, Giovanni 5:43. Se è venuto nel Nome di Suo Padre, il Suo nome dovrebbe essere Yahweh-shua che significa "Yahweh salva" o la forma abbreviata Yah-shua che significa "Yah salva". Gli Ebrei non accettarono colui che aveva quel Nome perché lo considerarono blasfemo-troppo santo—per Lui.
IL GRANDE NOME DEL PADRE PARADISIACO
EBRAICO

ARAMAICO

KOINE GRECA

Frammento d´arte ceramica, proprio al di sopra, che contiene una comunicazione al comandante di una guarnigione che si trovava La-chish, scritto approssimativamente nel 586 a. C. . Lo scrittore manda un saluto " in nome di Yahweh."

MANOSCRITTO GRECO




Il Nome Sacro è veramente necessario?
Alcuni possono dire, "Oh, la questione che riguarda il nome è una sciocchezza. Si sta facendo un grosso baccano per niente. Lo si può chiamare come si vuole. Lui capirà". Però, quello che alcune persone chiamano niente, può essere considerato molto importante dall´Eccelso.
Quando Yahweh ordina qualcosa, si aspetta che il comando sia eseguito alla lettera. Attraverso le Sacre scritture, ci fa capire che dobbiamo onorarlo e chiamarlo con il Suo vero Nome. Possiamo veramente chiamarlo come vogliamo? Siamo sicuri che non faccia differenza? Osserviamo alcuni esempi biblici di disubbidienza nei confronti di ciò (cioè: chiamarlo con il suo vero nome ) che alcuni uomini interpretarono come una richiesta banale di Yahweh:

La Testimonianza del Nome a Qumran
Si è avuta una Drammatica Testimonianza del Nome santo di Yahweh quando furono scoperti gli antichi manoscritti del Mar Morto , nel 1947. I rotoli di carta ( manoscritti ) erano 1,000 anni più antichi (avevano 1000 in più ) dei manoscritti dell´attuale Vecchio Testamento che risalgono al 150 a. C.
In alto a sinistra, il manoscritto di Isaia . In alto a destra, le caverne sotterranee dei testi . A destra, il museo del Tempio del Libro, dove si trovano i testi.

* Il figli di Aaron ,Nadab ed Abigu, probabilmente pensarono che tutti i fuochi fossero uguali e non diedero importanza a quello che dovevano usare nella loro offerta a Yahweh (Levitico 10).
Quando usarono il loro fuoco personale, invece del fuoco santo di Yahweh, nel loro sacrificio, Yahweh li li carbonizzò, immediatamente .
* Uzzah stava guidando l´Arca dell´Alleanza e si trovava su di un carro trainato dai buoi. In un momento di distrazione, si dimenticò del comando di Yahweh che gli proibiva di toccare l´Arca (2 Samuele 6). Afferrò allora l´Arca per sorreggersi... e fu immediatamente ucciso.
* Mentre Mosè stava guidando il popolo d´Israele al di fuori dell´Egitto, gli fu detto, ad un certo punto, di parlare ad una pietra, così sarebbe sgorgata l´ acqua (Numera 20). Invece, lui, la colpì due volte. A causa della sua disubbidienza, a Mosè fu sbarrato l´accesso alla Terra Promessa.
* A Saul fu detto di struggere gli Amalechiti e tutti i loro animali. Evidentemente dovette pensare che era un vero spreco distruggere tanto cibo potenziale e che se avesse sacrificato alcuni animali in Suo onore, per il culto, Yahweh non avrebbe fatto caso al fatto che si era tenuto il resto ( degli animali ). Sotto ispirazione, Samuele disse a Saul, " Yahweh adora le offerte bruciate ed i sacrifici, tu hai ascoltato la voce di Yahweh? Vedi, rispettare la sua volontà viene prima del sacrificio, e prestare ascolto, prima del grasso degli arieti", 1 Samuele 15:22.
* Tali esempi sono numerosi nelle Scritture. Anche dopo aver capito meglio, gli uomini fecero sempre ciò che il loro pensiero gli diceva di fare, pensando che fosse cosa gradita a Yahweh—e si ripeterono sempre terribili conseguenze .Possiamo, noi, chiamare il grande Creatore di questo universo con qualsiasi Nome ci aggradi di più, anche dopo che innumerevoli ordini contenuti nelle Sacre Scritture ci hanno imposto di chiamarlo con il Suo unico Nome Yahweh? E´ veramente importante assecondare i suoi desideri?
Dovremmo quindi considerare quello che ci può accadere, se facciamo il contrario, dato che la sua ira è terribile!
* Esiste una dottrina nella Bibbia che pone
più enfasi che l´importanza sul Nome della Famiglia Paradisiaca. Le Sacre Scritture, esplicitamente, comandano, "Intona canti in onore di Elohim, indirizza preghiere al Suo Nome; celebra Colui che cavalca il paradiso attraverso il Suo Nome YAH, e gioisci di fronte a lui" (Salmo 68:4). "Il Nome di Yahweh deve essere lodato sempre, dall´alba al tramonto" (Salmo 113:3).
* Credete in tutto questo? La Bibbia spiega molto bene che la salvezza può essere ottenuta solamente accettando questo Nome Santo, usando ( pronunciando ) questo Nome Santo e vivendo le nostre vite in conformità al carattere di questo Nome Santo.
* Cos´ è tanto importante riguardo al nome di Yahweh? Semplicemente questo:
* La salvezza è in quel nome, ed in quel solo nome (Atti 4:12).
* Ci è stato detto di usare quel Nome in preghiera per poterLo encomiare (Salmo 68:4).
* Ci hanno informato che servirà come prova, in futuro, della nostra obbedienza (Geremia 10:25; Rivelazione 13:17).
* Ci è stato detto che i Suoi santi vittoriosi saranno riuniti per mezzo del Suo Nome (Zaccaria10:12; 13:9).
* Ci è stato detto che il Suo eletto sarà sigillato in quel Nome ( porterà il sigillo del suo Nome ) (Rivelazione 14:1; 22:4).

* Il Nome Santo non è Dio, Signore, Gesù, o Iesous-ma il Nome che l´angelo Gabriele disse a Giuseppe, con il quale avrebbe dovuto chiamare il Redentore (vedere Matteo 1:21 e il riferimento a piè di pagina di Ebrei 4:8).
Yahshua ha parlato del Nome di Suo Padre
Non solo il nostro Salvatore giunge sulla terra in Nome di Suo Padre, ma è stato profetizzato che lo avrebbe diffuso tra la gente, mentre era sulla terra: "Proclamerò il Tuo Nome ai miei fratelli: nel mezzo della congregazione Ti loderò", Salmo 22:22. Credi che Lui adempiette a questa predizione, proclamando il Nome di Suo Padre "Yahweh" o credi che proclamerò il nome di "Dio" e "Signore" come le altre nazioni pagane stavano facendo proprio attorno a Lui?
Le Sacre scritture attestano che Lui magnificò il Nome di Suo
Padre di fronte a tutti quelli che appresero la sua testimonianza , "Ed io gli ho proclamato il Suo nome, e ancora lo proclamerò: Che l´amore che tu mi hai donato possa essere in loro, ed Io in loro" (Giovanni 17:26 ed Ebrei 2:12).
Se il nostro Redentore ha proclamato il Nome di Yahweh, poi Lo ha anche usato. Era proprio a causa di questa sua proclamazione ( del Nome Santo ) che fu accusato di blasfemia, infatti, gli Ebrei avevano una legge tradizionale che proibiva di usare questo Nome alle persone comuni . Si pensava che fosse troppo sacro per l´uso comune.
Solamente i sommi sacerdoti potevano usarlo, mentre adempievano ai loro doveri nel tempio, nel giorno di Redenzione e negli altri giorni santi.
Questo Nome Santo fu testimoniato non solo dal nostro Salvatore, ma anche da tutti i Suoi discepoli che, solennemente, lo posero in risalto . Possiamo essere certi che Paolo non usò i nomi greci "Theos" e "Kurios", che vengono tradotti "Dio" e "Signore" nella vostra Bibbia quando si riferiscono alla sacra famiglia di Elohim. La conversione di Paolo avvenne quando si stava recando a Damasco.
Riferendosi alla sua conversione, disse al re Agrippa, "
Dopo che eravamo precipitati a terra, io sentii una voce che mi parlava, dicendomi in lingua israelitica, ´Saul, Saul perché mi perseguiti ? Quanto è duro per te calciare contro i punteruoli.´ Ed io gli domandai, ´Chi è lei , Maestà?´
" Se il nostro Redentore avesse pronunciato il Suo Nome in lingua israelitica, la Sua risposta non sarebbe stata certamente "io sono Gesù" come è stato riscontrato nella Sua Bibbia, ma, "io sono Yahshua, che tu perseguiti", (Atti 26:14,15).
Paolo fu accecato dallo splendore della luce della gloria di Yahshua, e fu mandato da Ananias, affinchè lo aiutasse a recuperare la vista. Ananias fu informato da una visione, di dover ripristinare ( curare ) la vista di Paolo, ma era piuttosto riluttante a riceverlo, a causa della reputazione di Paolo, che era conosciuto come " assassino dei Santi".
Quale fu la risposta che ricevette Ananias, che riguardava la sua paura di ricevere Paolo? L´avvertimento che ricevette si riferiva alla proclamazione del nome di Yahweh: "Ma Yahshua disse a lui [Ananias], ´Va per la tua strada: A lui [a Paolo] fu affidata una nave, ossia, sopportare il "peso" del Mio Nome di fronte a Pagani, re, e bambini d´ Israele: Così, Io gli ho mostrato [ a Paolo] quanto dovrà patire a Causa del Mio Nome´ " (Atti 9:15,16). Lo stesso Paolo, che aveva perseguitato i Santi, ricevette il comando di Yahshua, che era quello di proclamare il Suo Santo Nome al mondo pagano.

L´Apostolo Paolo proclamò quel Santo Nome , ma i copisti e gli scribi greci del Secondo e del Terzo Secolo Lo rimossero, mentre ricopiavano i manoscritti originali, ed inserirono, al suo posto, i titoli "Theos" e "Kurios." Paolo fu perseguitato, proprio perchè aveva usato il Nome sacro, ma fu salvato dalla morte molte volte, affinché completasse la missione che gli era stata assegnata.

Il Nome che Ha il Vero Potere
L´espressione implica la conoscenza del Nome di Yahweh ed anche il suo utilizzo durante l´adorazione. Le Sacre scritture dicono, "Dato che lui ha posato il suo amore su di me, io lo diffonderò ( il Suo Nome ) : Io lo innalzerò, perché egli ha conosciuto il Mio Nome" (Salmo 91:14).
Se conosciamo il Suo Nome e non lo pronunciamo, non riceviamo certo protezione, ma al contrario, dobbiamo testimoniare quel Nome prima degli altri. Sarebbe miglio non conoscere il Suo Nome che conoscerlo e non testimoniarlo nelle preghiere e nei canti intonati in suo onore .Ci è stato detto di pronunciare quel Nome. "E accadrà che chiunque chiamerà il nome di Yahweh sarà salvato... " (Gioele 2:32).
La maggior parte delle persone, negli ultimi giorni, vivranno nel nome dei titoli comuni "Dio" e "Signore", ma il Suo eletto vivrà nel Nome di Yahweh. Questo, è quanto dice la Sua Bibbia: " In nome di tutta le gente, ciascuno di noi vivrà nel nome del suo dio ( elohim ), e cammineremo nel nome di Yahweh ed Elohim, per sempre". (Michea 4:5).
In Gioele 2:32 è stato detto che quelli che chiameranno il loro dio, Yahweh, saranno salvati, ma Geremia afferma che su quelle famiglie che chiameranno Yahweh con un altro Nome, si abbatterà la collera divina dello stesso ( di Yahweh ). L´ordine che verrà dato all´angelo della distruzione sarà "Riversa la tua furia sul pagano che non Ti conosce, e sulle famiglie che non ti chiamano con il Tuo Vero Nome... " (Geremia 10:25). La vostra famiglia usa il Nome Santo in preghiera, per pregarlo?
Considerate il Suo Nome non molto importante? Le Sacre scritture dicono diversamente riguardo al Nome. "Il Nome di Yahweh è una torre robusta: i retti la raggiungeranno, e saranno salvi" (Proverbi 18:10).
I Suoi santi staranno facendo appello al Suo Nome? Chiaramente il resto d´Israele lo farà, in conformità con queste parole: "Ed io porterò la terza parte attraverso il fuoco, e li raffinerò come viene raffinato l´argento, e metterò alla prova la loro fede così com´è viene provata l´autenticità dell´oro: ESSI FARANNO APPELLO AL MIO NOME, ED IO LI ASCOLTERO´: ´ e loro diranno, ´Yahweh è il mio Elohim " (Zaccaria13:9).
Vi rifiutate di usare il Suo Nome per paura che la gente vi creda delle persone troppo pignole o perchè la vostra chiesa non lo utilizza? Se così fosse, state negando l´unico Nome che ha il potere e la forza di salvarvi. Fate attenzione alla promessa fatta a quelli che usano il Suo Nome Santo in preghiera, per lodarlo: "Poi, quelli che temettero Yahweh, spesso parlarono tra di loro: e Yahweh li ascoltò, ed un libro di memorie fu scritto davanti a lui per coloro che avevano temuto Yahweh, e che avevano preso in considerazione il SUO NOME. E saranno Miei, dice Yahweh riferendosi a un esercito(a un gran numero di persone), nel giorno in cui racchiuderò le Mie gioie; ED IO NON POTRO´ FARE A MENO DI LORO, come un uomo che non può fare a meno del figlio da cui viene servito" (Malachi 3:16,17).
E´ anche vero che l´uso del Nome "Yahweh" e "Yahshua" saranno causa di una vera persecuzione per coloro che li useranno negli ultimi giorni, come saranno causa di persecuzione per i primi discepoli. Il nostro Redentore nel parlare dell´ultima generazione affermò, "Poi vi liberereranno dall´afflizione, uccidendovi; e sarete odiati da tutte le nazioni a la Causa" del Mio Nome (Matteo 24:9).
Il dittatore del mondo o "La Bestia" degli ultimi giorni avrà la fedeltà di tutto il mondo (Rivelazione 13:3,4). L´intera controversia degli ultimi giorni non si disputerà sul problema della domenica come settimo giorno dedicato al riposo ( giorno sabbatico ), come molti pensano, ma sul Suo Name. Ciascuno di voi sarà costretto ad onorare ed adorare il nome (il marchio/segno) della Bestia o altrimenti vi sarà negato il diritto di comprare e vendere (Rivelazione 13:11-18).

La Verità , per Tradizione, è Impopolare
La maggior parte dell´opinione religiosa contenuta nelle Sacre Scritture si è sbagliata. Sin dall"inizio, Yahweh ha rivelato la Sua verità solamente a un piccolo gruppo di persone, nel Suo tentativo di salvare il mondo . Perchè? Perchè la verità non è per niente popolare ( non è benvoluta ) , la maggioranza la rigetta . La vera assemblea della fine dei tempi. -l´Assemblea di Filadelfia-sarà inoltre, piccola e insignificante agli occhi del mondo. Leggere Rivelazione 3:8, che parla dell´ Assemblea di Filadelfia: "Io conosco le vostre opere: guardate, ho lasciato una porta aperta, e nessuno uomo può chiuderla: per voi che avete avuto un pò di forza, e avete conservato la Mia parola, e non avete negato il Mio Nome."
La gente, a volte, trova tante scuse per non usare il nome Sacro, (alcune delle quali le abbiamo trovate all´ inizio di pagina 3).
Menzioniamo una di queste ( scuse ) perché è basata su una mediocre traduzione di Re James , dato che molti fanno riferimento a quest´ultima. I loro ragionamenti sono appunto questi: "Se noi conosciamo la natura del Padre-la Sua giustizia e la Sua santità, il Suo amore e la Sua misericordia, la Sua grazia di salvezza ed il Suo potere—allora noi, conosciamo il Suo Nome e sappiamo che conoscerlo significa ( ricevere la ) vita eterna".
Riguardo a questo tipo di ragionamento, essi cercano riscontro ( prove ) nel Salmo 138:2 che sembra indicare che la Sua Parola è al di sopra del Suo Nome. "... Attraverso di Te, la tua Parola è stata magnificata ed è stata posta al di sopra del Tuo Nome ( La Tua Parola è più importante del Tuo Nome )". Ma leggendo questo testo in ebraico, ci accorgiamo che il significato è completamente diverso. Sia la Sua Parola che il Suo Nome vengono posti sullo stesso piano, hanno la stessa importanza, com´è sostenuto dalla maggior parte delle altre traduzioni delle Sacre Scritture.
La Traduzione Standard Revisionata ( The Revised Standard Version ), presentata nel Salmo 138:2, è questa:
"Io mi inchinerò davanti al Tuo tempio santo e ringrazierò il Tuo Nome per il Tuo costante amore e per la Tua lealtà; lo farò per te che hai innalzato sopra ogni cosa il Tuo Nome e la Tua Parola". La traduzione della Nuova Bibbia Internazionale dice: "Io m´inchinerò davanti al Tuo tempio santo e loderò il Tuo nome per il Tuo amore e per la Tua fedeltà, perchè tu hai anteposto a tutte le cose, il Tuo Nome e la Tua Parola". La traduzione di Smith e Goodspeed non compara il Suo Nome alla Sua Parola, ma traduce la lingua ebraica in questo modo: " Io mi prostrerò davanti al Tuo tempio; e Ti ringrazierò per la Tua gentilezza e la Tua fedeltà; lo farò per te che hai magnificato il Tuo Nome, anteponendolo a tutte le cose."
Nessuna di queste traduzioni asserisce che la Sua Parola o Scrittura sarà esaltata e posta al di sopra del Suo Nome. Il Suo Nome ha lo stesso peso della Sua Parola e della Sua Scrittura ed è impossibile separare queste due cose, come alcuni cercano di fare.
La maggior parte di quelli che credono nel Sacro Nome sono d´accordo sul fatto che la Sua Parola e Scrittura siano importanti, ma noi crediamo che l´uso del Nome Santo sia di uguale importanza. Siamo ugualmente d´accordo che è di vitale importanza l´aver santificato il Suo Nome durante la nostra vita. Se noi non riusciamo a vivere in sintonia con la corretta scrittura del Suo Nome Santo , stiamo agendo invano, proprio come quelli che lo ignorano e che lo sostituiscono impropriamente con dei titoli.
E´ facile trovare delle scuse che ci facciano credere in qualcosa, solo perchè ci rifiutiamo di fare una determinata cosa ( cioè pronunciare il vero nome di Dio: Yahweh ). Quello che molti trascurano, è proprio il fatto che Yahweh si sia autoproclamato "Yahweh" (Isaia 42:8), e desidera essere identificato per mezzo di quel Nome sacro (Zaccaria 13:9). Dobbiamo magnificarlo con questo Nome (Salmo 68:4). C´ è stato detto di appellarci a Lui, tramite il Suo Nome al tempo dei disordini (Gioele 2:32). C´ è stato annunciato che le famiglie che si rifiuteranno di usare il Suo Nome Sacro prima del Secondo Arrivo del nostro Redentore saranno distrutte assieme al maligno (Geremia 10:25). A Giovanni fu mostrata la Visione della gente degli ultimi giorni, raggruppata sul Mare di Vetro, e che cantava in coro Hallelu-Yah, Rivelazione 15:1-5 e 19:5-8.
HalleluYah significa "Loda Yah."
Vi state preparando a cantar in coro l´ HalleluYah, lodando quel Nome Santo, o state ancora cantando nel nome di "Dio" e "Signore"? Ci è stato detto di santificare il Suo Nome in preghiera-"Benedetto sia il Nome Tuo" , Matteo 6:9. Come potete santificarlo in preghiera quando non Lo avete mai usato nè nelle preghiere nè nelle canzoni? IL NOME E´ INDISPENSABILE PER LA TUA SALVEZZA.

In Rassegna

Yahweh per rimuovere i titoli sostitutivi
In pratica, tutti gli studiosi moderni riconoscono "Yahweh" come la migliore traslitterazione possibile in inglese del Nome Santo del nostro Eccelso. Dato che il nostro Salvatore "venne nel Nome di" Suo Padre, noi usiamo "Yahweh" o la forma abbreviata "Yah" (e non "Je" come in "Gesù") in Nome di Suo Figlio. L´ultima sillaba "shua" deriva da Hoshea, che significa "salva" in ebraico e contiene il significato che l´angelo rivelò ai Suoi genitori terreni, i quali avrebbero dovuto chiamarlo così. Lui avrebbe salvato la sua gente dai loro peccati", Matteo1:21. La desinenza "sus" in Je-sus non ha significato di "salvezza".

Gli studiosi che traducono la Bibbia in lingua inglese sanno che il Suo Nome non è Gesù, ma continuano ad usarlo perché per secoli è stato considerato "il Suo Nome". La tradizione l´ha reso più popolare del Suo vero Nome.
Con il passare dei secoli Il Nome Yahweh è espresso comunemente da alfabeti di periodi diversi, mostrati a destra. Leggendo da destra a sinistra, il Tetragrammato-Yothe, He, Waw He-è dipinto in Paleo ebraico, in cima.
Al centro troviamo le quattro lettere che sono scritte in aramaico quadrato che venne più tardi. Le corrispondenti lettere YHWH traducono in lingua inglese le antiche vocali-consonanti.
Nelle parti centrali delle Bibbie di riferimento, il nome è di solito reso in maniera più corretta. Di solito, nella parte centrale della Traduzione di Re James in Ebrei 4:8 vedrete una nota a piè di pagina ( postilla ), prima del nome Gesù. Se osserverete il riferimento che si trova giù, vedrete una nota che dice: "Questo è, Joshua". L´ortografia è diversa da "Yahshua", ma la pronuncia è praticamente la stessa. Pronunciando correttamente la "J" come una "Y" e la "o" come nella parola "top", avremo pronunciato il Nome del nostro Redentore in maniera che anche lui possa riconoscerLo. Ricordiamoci che l´ebraico non ha "J" nella sua lingua, e che la "J" viene pronunciata come la "Y", come nella parola "Hallelu-Yah. " Il nostro"Joshua" ci condurrà nella nostra Terra Promessa, come il Suo omonimo condusse i bambini d´Israele nella terra di Canaan.
Ricordatevi che "Jesus" è un nome greco-latino, traslitterato dal greco "Iesous" . Il nostro Redentore non era un greco, ma aveva un Nome ebraico. Il nome "Jesus" non significa"Yahweh è la nostra Salvezza", come pure il greco "Jason"(che significa guarire) possiede il significato dell´israelitico "Jesse" (che significa opulenza). Nel rispetto della precisione, se non esiste nessun´ altro argomento, dobbiamo usare il Nome che l´angelo di Yahweh disse ai Suoi genitori, e con cui gli ordinò di chiamarLo. Qualsiasi altro nome, non è il Suo Nome.
Hosea , sotto ispirazione divina scrisse di un futuro ormai prossimo "E verrà il giorno dice Yahweh, che Voi mi chiamerete Ishi.... " Perchè lo chiamate "Ishi"? Perché questo termine che significa "marito" non viene mai associato a divinità pagane, e perché spiritualmente parlando, Lui è nostro Marito. I suoi Santi si sposano con Lui. Il resto di questo testo è una sorprendente profezia dell´era futura. "Voi non mi chiamerete più Baali [Mio Signore]. Io strapperò dalle vostre bocche i nomi di Baalim [Dio e Signore] , ed i loro nomi non saranno mai più ricordati" (Hosea 2:16, 17). Le Sacre Scritture affermano, "Io sono Yahwehe, questo è il Mio Nome e la Mia gloria non verrà mai data ad altro Nome che non sia il Mio, né il mio encomio ad immagini scolpite" (Isaia 42:8).

È accettabile l´uso dei titoli per il grande Nome di Yahweh? Avviso: Il primo Comandamento dice: " Io sono Yahweh, il vostro Elohim ...
Non avrete altro Elohim che non sia Io". (Esodo 20:2,3) Dice Yahweh: "Dovete stare attenti a tutte le cose che vi ho detto e non menzionare nomi di altri elohim, che mai siano proferiti dalle vostre bocche!", Esodo 23:13. (Vedere anche Joshua 23:7; Salmo 16:4.)
Yahweh strapperà questi nomi pagani dalle bocche delle persone che li nominano nel suo Regno , allora perché non farlo noi stessi, volontariamente, oggi, e ricevere la Sua benedizione e salvezza?
Qual´è è la differenza? " Vi domanderete. La differenza è obbedire o disobbedire alla sua Volontà. La decisione è la vostra, ma se lo amate, lo chiamerete con il Suo vero Nome . Lo chiamerete Messia attraverso il Nome che il Suo Paradisiaco Padre gli ha donato, il Nome che Lui stesso ha proclamato, il Nome che riunì i suoi discepoli, il Nome che ci assicura la salvezza, ed il Nome nel quale noi tutti siamo riuniti ( sigillati ).
Domande sul Sacro Nome
Il tentativo di rispondere a tutte le domande riguardanti la dottrina del Nome Sacro sarebbe nient´altro che un procedimento senza fine. Non appena una persona riceve una risposta , l´altra starebbe già ascoltando coloro che si rifiutano di utilizzare il
Nome Santo di Yahweh. Come generalmente accade, un uomo che viene convinto contro la sua volontà ( con la forza ), rimane sempre della stessa opinione. Ma per coloro che vogliono veramente conoscere la verità, presentiamo qui alcune delle più frequenti domande e risposte. Ad ogni domanda segue una risposta.



D Qualcuno ha asserito che siccome nella Bibbia non è stato riscontato nessun comando diretto di restringere la traslitterazione del Nome sacro in un´unica forma, valida per tutte le lingue, non c´è nessun bisogno di operare in questo modo. Per esempio, sostengono
che gli scrittori della Bibbia scrissero il Nome del nostro Redentore "Jehoshua" in ebraico, "Yeshua" in aramaico, "Iesous" in greco e "Jesus" in latino e in inglese.

R E´ vero che non c´è il comando diretto di traslitterare il Nome Santo, suono per suono, nelle altre lingue del mondo ma come, il mondo, avrebbe potuto riconoscere questo nome, se il suono non fosse stato lo stesso, in tutte le lingue? I giornalisti sono allenati a
traslitterare i nomi dei personaggi di tutto il mondo, come Andropov, Trudeau, Mitterand e Reagan (ed i nomi di città), così che a dispetto della lingua in cui siano pronunciati, i loro nomi vengono comunque riconosciuti. Dovrebbe essere prestata più attenzione riguardo al Nome del Nostro Santo Padre Paradisiaco ?
Alcune volte è stato detto che dato che alcune lingue non hanno elaborato un carattere o simbolo che producesse un certo suono, ci si è trovati nella condizione in cui il Nome Sacro "Yahweh" non si è potuto pronunciare in tutte le lingue del mondo. Poi, è
anche vero che alcune lingue non hanno concepito un particolare simbolo per un suono usato da un´altra lingua ( che servisse a pronunciare un suono di un´altra lingua ), è quindi evidente che il Nome Divino non può essere pronunciato allo stesso modo in tutte le lingue. Tutte le persone possiedono lo stesso organo fisico: la lingua. Non c´è
nessun suono che non possa essere insegnato alla gente di tutto il mondo; sì, anche a quelli che parlano il "pidgin English ( lingua molto semplificata, nata dall´incontro dell´inglese con altre lingue, specialmente orientali)".
Una cosa è certa: C´ è il comando, nella Bibbia, di "celebrarlo" tramite il Suo Nome "Yah" (Salmo 68:4). "Yah" è la forma abbreviata del nome più completo "Yahweh". E´ anche sicuro che giungerà il tempo in cui tutti i veri santi useranno questo Nome
Santo per lodarLo. "Dunque, farò conoscere il Mio nome santo alla Mia gente d´Israele; e non permetterò loro d´ inquinare il Mio Nome Santo mai più; ed il pagano saprà che io sono Yahweh, l´ Unico e Solo Santo d´ Israele", Ezechiele 39:7. Vedere anche Zaccaria 13:9;
Gioele 2:32 e Malachi 1:11. Se Yahweh costringerà presto questo mondo ad usare il Suo Nome, perché non dovremmo chiamarLo adesso con il Suo ( vero ) Nome?
Nella "Completa Armonia della Forza (Strong´s Exhaustive Concordance) " (sotto l´ebraico #3050) troviamo la forma inglese scritta "Yah". Strong´s dice che questa è la forma
contratta del Nome Sacro. Non c´è difficoltà, in lingua inglese, a pronunciare il Nome sacro "Yah", come noi tutti facciamo quando pronunciamo la parola "Hallelu-jah. " HalleluYah significa "Prega (Hallel) Yah". HalleluYAH è una parola che è comune a tutte le
lingue e se genti di lingue diverse, provenienti dalle nazioni di tutto il mondo puossono pronunciare questa parola, allora sono in grado di pronunciare anche la parola "Yahweh" o "Yahshua", sia che parlino il pidgin English, il greco o il cinese. Non esiste nessuna ragione che impedisca al Nome di essere lo stesso in tutte le lingue. Non è necessario che la compitazione ( spelling ) sia la stessa in tutte le lingue, ma il suono, beh, quello dovrebbe essere lo stesso. Se nessun simbolo o lettera è stata concepita per produrre quel tipo di suono, poi se ne può creare un´altra ( lettera ), questa operazione
viene fatta regolarmente, dato che le lingue si evolvono e devono sempre accomodare parole prese dalle altre lingue . Questo avviene spessissimo nella nostra era tecnologica .
Non può essere provato che gli scrittori della Bibbia scrissero "Jehoshua", Nome del nostro Redentore, in ebraico , "Yeshua" in aramaico, "Iesous" in greco e "Jesus" in latino e in inglese. Noi non possediamo le copie originali delle Bibbie che i traduttori trascrissero. Così, i traduttori tradussero la Bibbia in lingue diverse, ma le traduzioni non furono svolte sotto ispirazione ( divina ) e dobbiamo tener presente che i
traduttori commettono spesso degli errori, qualche volta di proposito.
Il Nome corretto del nostro Redentore è basato sulla Parola Yahweh e non sul suo uso tradizionale . Sappiamo che l´angelo disse a Maria (Miriam) e a Giuseppe (Yowceph) il Nome che Gli avrebbero dovuto dare, dato che Lui avrebbe dovuto portare il Nome
della Famiglia Paradisiaca, ossia Yahweh. Un´altra ragione per utilizzarlo è dovuta al fatto che ( Il suo Nome ) rappresenta il significato e lo scopo della Sua missione. Il suo
Paradisiaco Padre affermò, il "Mio Nome è in Lui" (Esodo 23:21). Noi conosciamo anche la parola stessa del nostro Redentore che è per l´appunto, "io sono venuto nel Nome" di mio Padre, Giovanni 5:43.
Stando così le cose, poi, Lui dovrebbe portare il Nome (completo) di Suo Padre, "Yahweh", o il Nome in forma abbreviata, "Yah." È stato provato che "Geova" non è la traslitterazione inglese corretta. Perciò, la forma abbreviata
del Nome del nostro Redentore non può essere "Yeh", ma "Yah". La lettera "e" è una vocale sostitutiva presa dalla shewa che si trova con l´ alef della parola israelitica"adonai" . Gli Ebrei posero intenzionalmente queste lettere nel Nome Sacro, cosicché i Pagani, che
loro considerarono persone indegne, non avrebbero pronunciato il Nome Santo correttamente, evitandone, quindi, la profanazione. La "e" in "Jehoshua", la "e" in "Yeshua", la "e" in "Iesous," e la "e" in "Jesus" non sono corrette. Il suono della shewa (e) prese il posto del corretto suono della qames (a) all´interno del Nome del
nostro Salvatore.
Dato che il Nome del nostro Redentore ( Salvatore ) contiene il Nome di Suo Padre, la prima parte del Suo Nome, "Yah" indica il legame con la Sua Famiglia paradisiaca
. L´ultima parte, "shua" che significa"salva(re)" indica il significato e lo scopo della Sua missione. Il suo scopo era" salvare la Sua gente dai loro peccati" (Matteo 1:21). Gli Ebrei di oggi che vivono ad Israele lo chiamano "Yeshua". Ma come affermato, non dovrebbe esserci la "e" nella prima parte del Suo Nome, proprio perchè non c´è nessuna"e"nella prima parte del Nome di Suo Padre. "Yeshua" è la sillabazione aramaica . "Yahshua"
è la sillabazione ( spelling ) ebraica corretta. L´ apostolo Paolo sentì il Redentore pronunciare il Suo nome, non in aramaico, ma in lingua israelitica (Vedere Atti 26:14, 15). Il Nome Yahshua comincia con la Yah di "halleluYah."
Nelle nostre Bibbie inglesi troviamo il Nome del nostro Redentore scritto "Jesus." Questa è una traslitterazione latino-inglese, proveniente dal nome greco "Iesous" e non dal
Nome israelitico originale che Gli fu assegnato dal paradiso. Non dobbiamo, però, andare fuori strada: anche se la Completa Armonia della Forza ed altri hanno traslitterato
il Nome del nostro Redentore in lingua inglese nella forma "Yeshuwa" o "Yehowshua", ciò non significa che sia biblicamente corretto. I segni vocalici usati oggi per indicare la
pronuncia delle lettere israelitiche non furono inventate prima del 600 d.C. "Yeshua" è la traslitterazione del traduttore della lingua aramaica o ebraica moderna. Come abbiamo detto prima, la "e" nel Nome "Yeshua" così come la "e" nella parola "Jehovah" è il
risultato della sostituzione delle vocali di "Adonai", eseguita per nascondere la pronuncia corretta del Suo Nome Santo, per impedire che fosse profanato. Così nascosero volutamente il Nome, inserendo vocali fasulle, in modo che i Pagani non potessero pronunciare correttamente il Nome Sacro.
I preti e i rabbini non lessero mai, correttamente, il Nome sacro in pubblico , ma Lo sostituirono con "Adonai" (che significa "signore") o con "ha-Shem", che significa "il Nome".
Solo nei giorni particolari ( delle ricorrenze ), come nel giorno della Redenzione, il Nome veniva letto correttamente dal Sommo Sacerdote. La ragione per cui il nome inglese e latino "Jesus" non è corretto è dovuta al fatto che è una traslitterazione derivante
dalla parola erronea greca "Iesous." (La "i" e la "j" sono collegate etimologicamente. Così Iesous divenne Gesù.) Gli antichi greci sillabarono la forma abbreviata del Nome sacro "IAO" perché ha lo stesso valore sonoro ( suono ) di "Yah".
Clemente d´ Alessandria scrisse il Nome del Tetragrammato mediante la forma "IAOUE". Così la prima parte del Nome del nostro Redentore dovrebbe essere "Yah" in inglese o "Iao" in greco, se abbiamo detto che porta lo stesso Nome di Suo Padre, e non "Ie". I Greci
non avevano la combinazione "sh", così non poterono sillabare l´ultima parte che componeva il Nome del nostro Redentore, ossia: "shua". Comunque, utilizzando la sillabazione "Iasoua" o "Iasoue" per il Nome del Redentore, i Greci avrebbero potuto avvicinarsi alla vera pronuncia del Suo Name. La forma inglese "Joshua" è molto più precisa di quella di "Jesus", e i traduttori l´ hanno indicata nella loro nota di riferimento che si trova in Ebrei 4:8.
D Alcuni si domandano perché il nostro Redentore gridava a gran voce a Suo Padre mentre veniva trafitto, "´Eli, Eli lama sabachthani´, che vuol dire, ´ Dio Mio, Dio Mio perché mi hai abbandonato? ´" (Matteo 27:46), che correttamente traslitterato in
lingua inglese diventa"God" in riferimento al Padre Paradisiaco, oggi.
E´ stato anche accertato che il titolo israelitico "El" venne usato nel Vecchio Testamento , al tempo in cui si riferiva sia agli idoli pagani che a Yahweh, allo stesso modo, il suo equivalente inglese "God" può riferirsi sia a idoli pagani sia all´Eccelso.
R Riguardo all´espressione aramaica pronunciata da Yahshua, il nostro Redentore non stava chiamando Suo Padre "Mio Dio", ma "Mio El" che significa il "Possente" o il "Potente". Attraverso di Lui si stava avverando la profezia del Salmo 22:22 che ce Lo descrive come
il futuro Messia.

(Se avete altre prove che attestino l´originalità della lingua ebraica, scriveteci.)
I titoli israelitici e Semitici "El" e "Elohim" furono usati originariamente per pregare Yahweh nella Vera Adorazione. Nel dare i Dieci Comandamenti, Yahweh disse, "io, Yahweh sono il Tuo Elohim; Tu non avrai altro elohim al di fuori di me". I pagani
avevano altri " possenti" che adoravano al posto del vero Possente, Yahweh. E´ vero che i pagani si appropriarono del titolo israelitico "El" e lo usarono per i loro idoli. Fu qualcosa che i Veri Adoratori di Yahweh non poterono prevenire, in ogni caso.
Gli scrittori della Bibbia, usarono il termine "El" nei loro scritti ,anche quando si riferivano agli idoli dei pagani, perché dovevano svolgere il loro compito, quello per cui erano stati chiamati. Ognuno ha avuto il suo particolare "El".Ad ogni modo, questo titolo fu usato in riferimento a tutti i "Possenti"-falsi o veri che fossero- non in sostituzione del Nome personale dell´Altissimo—come più tardi avvenne, invece, con il nome "Baal".
Ogni volta che un titolo, che sia ebraico o pagano, diviene così popolare da sostituire completamente il Nome sacro, quel nome diventa profano, nonostante abbia avuto in passato un accettabile legame con Lui. Il Cristianesimo sta usando i titoli "Dio" e "Signore" come
anticamente Israele aveva fatto con il titolo "Baal" (vedere Geremia 23:26-27).
Questi titoli si sono talmente radicati, che la maggior parte delle persone non comprende che il nostro Paradisiaco Padre ha un Nome personale che è esclusivamente il Suo, e che (Lui) vuole che lo usiamo nel Suo culto . Il suo Nome ha un significato.
Le originali Sacre scritture affermano 7,000 volte qual´ è il Suo Nome Santo; Egli è geloso del Suo Nome e vuole essere osannato attraverso il Suo Nome Santo.
"Io sono Yahweh; Quest´ultimo è il Mio nome; e la mia gloria non sarà mai indirizzata ad un altro [nome], né il Mio encomio ad immagini scolpite." Isaia 42:8.
"Dio" e "Signore", non solo, furono associati all´ adorazione delle immagini scolpite, ma furono anche collegati all´ adorazione satanica, proprio perchè avevano sostituito il Nome Santo. Il titolo semitico-ebraico "El" venne usato originariamente nel culto di Yahweh, ed i Veri Adoratori di Yahweh non poterono impedire, agli altri, di utilizzare il
medesimo titolo per l´adorazione delle immagini. Israele, nazione, inoltre, non usò mai il titolo "El" come esclusivo sostituto del Santo Name. Perchè dobbiamo usare i titoli
illegittimi "Dio" e "Signore", quando possiamo usare il nome Yahweh, visto che Egli stesso ( Yahweh ) ci ha detto che si riconosce e vuole essere riconosciuto solo in quel Nome?

Q Si è anche detto che, dato che Yahweh aveva smarrito ( aveva confuso ) la lingua originale durante la costruzione della Torre di Babel e che trovandosi l´ebraico in mezzo alla confusione di tutte quelle lingue , non possiamo conoscere le pronunce originali
delle parole.
Poi ci si domanda: Se il Nome ebraico è sacro, allora perchè non imparare proprio la lingua ebraica? Se bisogna usare un Nome israelitico, allora perché non imparare a scrivere e a parlare in ebraico e dimenticare tutte le altre lingue?
R Il patriarca Shem e Noah vissero prima e dopo l´alluvione. Parlavano la stessa lingua primitiva che parlavano Adamo ed Eva. Possiamo essere certi che nessuno di questi uomini
retti aveva qualcosa a che fare con la costruzione della Torre pagana di Babele. Perciò, la loro lingua non venne confusa ( con le altre ). Abramo che era vivo anche al tempo di suo nipote Giacobbe, era vivo quando il grande patriarca Shem - che nacque prima del diluvio del diluvio—era vivo. Inoltre, è inconcepibile pensare che Abramo non
avesse comunicato con Shem e gli altri antichi patriarchi nella stessa lingua che venne usata prima del diluvio . Anche se è vero che le lingue cambiano nella forma, con il passare del tempo, il Nome sacro non è mai cambiato fin dai tempi pre-cananei. I manoscritti del Mar Morto rivelano che il Nome di Yahweh veniva scritto allo stesso
modo, nell´ebraico pre-cananeo (vedere Salmo 22:22; ebrei 2:12; Isaia 52:6).

Poi, per quanto riguarda il problema del Nome Sacro e della sua origine ebraica che implicherebbe che tutti debbano conoscere la lingua ebraica ( solo perché il Nome è di origine ebraica ), possiamo dire che è assolutamente ridicolo. Nella Bibbia, ci sono molti nomi greci.
Allora, dovremmo parlare solamente Greco? La parola Armageddon è, solamente, una delle tante parole israelitiche contenute nelle Sacre scritture, che non stata tradotta, ma che
porterebbe coloro che si oppongono al Nome Santo a dire che, dato che è presente questa parola, dovremmo parlare tutti la lingua ebraica . Possiamo dire che è soltanto un sotterfugio, usato per evitarci di usare il Suo Nome sacro.

D Se si è sollevato un problema tanto grande sull´utilizzo del Nome israelitico Yahweh, perché non s´insiste anche sul corretto utilizzo degli altri nomi ebraici originali contenuti nella Bibbia, come ad esempio, Yirmeyah per Jeremiah o Eliyah per Elijah?

R Il Nome "Yahweh" è stato dato originariamente a coloro che parlavano la lingua ebraica. Dobbiamo ricordarci che Yahweh scelse prima quelli che erano di razza ebraica, che discendevano da Abraham. Ovviamente gli israeliti parlavano l´ebraico.
L´unico attributo che distingue il Suo Nome dagli altri è quello di "Santo".Il Suo Nome non sarà dissacrato nè profanato. Deve essere trattato con timore reverenziale. Esso
rappresenta la Sua infinita Essenza . Gli altri nomi, come Jeremiah, Elijah, Isaiah pur avendo la forma abbreviata del Suo Nome Santo all´interno ( incorporata ) , non sono santi. Questi nomi terminano nella forma abbreviata "Yah" che si riferisce a
Yahweh. Jeremiah vuol dire "Yah s´innalzerà"; "Elijah, "Il mio unico Dio è Yah"; Isaiah significa "la Salvezza di Yah". Solamente il Nome di Yahweh è santo e sarà trattato con rispetto e riverenza.

D Non è una follia usare qualsiasi nome personale per il Nome il Redentore, dato che la Bibbia dice che quando Egli arriverà per la seconda volta, porterà scritto sulla corona "un nome che, tranne Lui, nessuno uomo ha mai conosciuto, "? (Rivelazione 19:12)
R Non è a causa delle Sacre scritture che questo nome è segreto. Esso avrà, durante la Sua Seconda Venuta, una funzione sconosciuta, che noi non conosciamo e che Egli non ci ha mai svelato . Solo Colui che porta questo nome può conoscerla ( la funzione del Nome ) pienamente. Attraverso il Nome, Egli manifesta ( esprime ) la Sua indole e al contempo la sua nuova missione, come " Parola di Yahweh" (v. 13), "il Re di re, e Sovrano dei
Sovrani" (v. 16).
Il Tetragrammato (YHWH) viene usato nell´ Esodo 3:15, dove viene detto: "Questo Nome dovrà essere ricordato da tutte le generazioni ( Questo nome è un mio memoriale per tutte le generazioni )". Il nostro Salvatore affermò che Egli veniva nel Nome di Suo Padre, Giovanni 5:43. Geremia 23:6 dicono che lui riornerà ancora ed avrà lo stesso Nome. Dato che il Suo Nome viene associato al Suo nuovo ruolo nell´età futura , questo passo
dice, in lingua ebraica, che Esso sarà conosciuto come "Yahweh Tzidkenu" o "Yahweh, la Nostra Rettitudine."

D Perché il Nome sacro non si trova nelle nostre Bibbie? Se fosse così importante, dovrebbe esserci.

R Il Nome si trovava nelle originali Sacre scritture e nelle antiche Bibbie . Come abbiamo detto, parte di Esso non fu modificato dai traduttori della Bibbia ( sopravvisse ai traduttori ) e si trova nel Salmo 68:4. Yahweh Lo considerò così importante da
renderLo parte delle sue leggi. Il terzo Comandamento dice, "Non nominerai invano il nome di Yahweh, Tuo Elohim. Ciò vuol dire che non si deve falsificare il Suo Nome, come alcune accurate traduzioni, correttamente traducono la lingua originale di questo comandamento.
Ancora, le stesse Sacre Scritture profetizzarono che uomini
incauti avrebbero attuato dei cambiamenti non autorizzati. Dice Jeremiah 8:8, "Come potete dire, ´Noi siamo saggi perchè abbiamo la legge di Yahweh´, quando, in verità, la penna bugiarda degli scribi l´ha scritto male ( falsamente )? " (NIV). (Vedere anche Isaia 10:1 e Luca 11:52 per la condanna di Yahweh nei confronti di quelli che
distorcono le Sacre Scritture.)
Le Sacre scritture dicono che abbiamo il compito di studiare, per poter capire la verità. Questo significa superare le traslitterazioni inglesi per poter arrivare al significato delle originali Sacre scritture che sono state travisate dall´uomo.
D Come può essere tanto importante il Nome, visto che l´ Esodo 6:3 dice che il Nome di Yahweh non è mai stato conosciuto da Abramo, Isacco e Giacobbe o da qualsiasi altro prima del tempo di Mosè?

R Anche se fosse così, ma così non è, non c´era ragione di non usare il Nome sacro dopo l´epoca di Mosè. La forma ebraica dalla quale i traduttori dedussero il nome "Dio Onnipotente" è "El Shaddai" che significa il "L´Onnipotente" ed è solamente una fra tutte
quelle che contengono i nomi che si riferiscono a Yahweh . Leggete come la Rotherham´s Emphasized Bible ( La Bibbia enfatizzata di Rotherham) traduce l´Esodo 6:3: "Io sono Yahweh: Io apparvi ad Abramo, ad Isacco e a Giacobbe, presentandomi con il Nome di Dio
Onnipotente [El Shaddai], ho preferito non fargli conoscere il Mio vero Nome, che è Yahweh " (notare la significativa espressione "far conoscere").
Ci sono alcuni che credono che questo verso debba avere un punto interrogativo, invece che un punto. Ciò darebbe al verso un significato totalmente differente. Dato che la punteggiatura non fu posta sotto ispirazione e non è stata indicata negli antichi
manoscritti , non c´è nessun modo di provare quest´ altra variante.
La parola israelitica che sta per"conosciuto" qui vuole dire percepito o inteso. Non è vero che il Nome non fu mai conosciuto o usato prima, ma soltanto il vero significato di quel Nome non fu rivelato nella sua profondità, quella stessa profondità che sarebbe
stata rivelata a Mosè e ai bambini dell´Esodo. Ricorda che i Nomi hanno un importante significato nella lingua ebraica. Il Potere di quel Nome, mai rivelato prima, fu inteso ( conosciuto ) dalla maggior parte della Sua Gente. Come per lo stesso Nome, fu conosciuto
ed usato da tutti i patriarchi che vissero prima di Mose, come provano altre Scritture.
Secondo il libro della Genesi, 15:7, l´Eccelso rivelò il Suo vero Nome, YHWH (Yahweh), ad Abramo , ancor prima che si presentasse con il suo titolo descrittivo "El Shaddai". Posteriormente, Lui rivelò lo stesso Nome Santo a Giacobbe, Genesi 28:13. Abramo sapeva che questo Nome derivava dal Nome "Yahweh-Yireh", che Abramo diede al luogo dove andò a sacrificare Isacco, Genesi 22:14. Anche Mosè pensava che questo Nome si conoscesse fin dall´inizio dei tempi. Questo lo si può dedurre da testi religiosi come la Genesi, 2:4 e 4:1, 26. In entrambi i passi, il Tetragrammato YHWH è scritto in lingua ebraica, dallo stesso Mosè. Evidentemente, Adamo conobbe il Nome Santo e lo pronunciò, come dicono le Sacre scritture, "Ed Adamo conobbe Eva, sua moglie; ed ella concepì Caino, e disse, ´ ho
generato un uomo per merito di YHWH (Yahweh) , ´" Genesi 4:1.
Yahweh non aveva mai rivelato il profondo ( l´intero ) significato del Suo Nome, Egli lo fece solo dopo aver stretto il patto di alleanza con i bambini d ´Israele. Egli si mostrò a loro in tutta la sua grandezza/con la sua forte mano (Esodo 6:1), davvero
prendendo l´a Lui (v. 7), stringendo la Sua Alleanza con loro, e donandogli la terra di Canaan. Agendo in questo modo, Egli fece davvero conoscere il Suo Nome al popolo d´ Israele.

D La dottrina del Nome Sacro crea una divisione ( disaccordo ) tra quelli che accettano il Nome del loro Redentore chiamandolo "Gesù" e che prendono in considerazione anche i titoli "Dio" e "Signore", e quelli che non lo fanno. Provochereste, voi, questa divisione?

R Sì, il Nome crea una divisione, come fanno anche le altre dottrine, come quella del sabato ( settimo giorno della settimana, dedicato al riposo, sabato per gli Ebrei ). Questa dottrina del Nome sacro creerà una divisione ancor più grande durante la Grande Tribolazione, quando verrà usata come marchio, per distinguere coloro che veramente credono nel Messia, da coloro che credono nelle falsità di questo secolo che volge al termine. La controversia degli ultimi giorni verterà sul Suo Nome ed il nome della Bestia. Cosa accadrebbe se il falso messia si autoproclamasse"Gesù Cristo"?
Cosa accadrebbe se violasse quel Nome ed il Marchio ( Segno ) insito nel nome, con l´ausilio della legge, e se richiedesse la Sua accettazione ( l´accettazione di quel Nome ) prima che le persone possano comprare o vendere? La Bestia costringerà davvero tutti ad accettare il suo nome o marchio ( segno ) , sottomettendoli al suo sistema ( alla sua volontà ), Matteo 24:9; Rivelazione 13:17. Si capisce bene cosa vogliano dire questi cristiani quando usano i
titoli mondani "Dio" e "Signore", fanno la stessa cosa che faceva il popolo d´Israele, quando usava il titolo "baal".
Israele venerava il "l´Onnipotente" che gli fece donò della pioggia e della luce del sole ed offrì loro tutte le altre benedizioni della vita. Ma loro stavano agendo nel nome di baal piuttosto che nel Nome di Yahweh, Nome che lo distinse da tutti gli altri onnipotenti del paganesimo. La controversia al tempo di Elijah verteva sul Suo Nome Corretto; sarà così di nuovo quando EliYah richiamerà l´attenzione della Sua gente sullo stesso problema,1 Re 18:21, Malachi 4:5-6.
Non siamo noi a decidere chi verrà salvato, e chi non verrà salvato perchè si è rifiutato di usare il Nome (che noi abbiamo provato che è corretto). Non è prerogativa di alcun individuo o di alcuna chiesa o assemblea stabilire chi verrà salvato e chi invece no. Questa è prerogativa del Redentore Stesso, che può giudicare giustamente le motivazioni e le intenzioni dei cuori dell´ umanità, 1 Corinzi 4:5.
Stai lo stesso attento a quest´ordine: Dunque, colui che potrebbe fare bene e non lo fa, è un peccatore", Giacomo 4:17. La domanda che dobbiamo porci non è: " Il nostro Redentore avrà chiuso un occhio sul passato, visto che abbiamo commesso degli errori a causa della nostra ignoranza?" (Atti 17:30), ma al contrario: "Come posso glorificare meglio il mio Creatore, adesso?". Il problema non è quello che è lecito fare con la libertà della Nuova Alleanza o cosa possiamo ottenere tramite la stessa . Una persona potrebbe discutere la Bibbia a livelli molto alti sulla pratica della schiavitù, sulle bibite alcoliche o la poligamia. Ma il nostro giudizio ( consiglio ) che dipende dalla Nuova Alleanza dovrebbe essere più attendibile, come prevede la stessa Nuova Alleanza . Lo spirito della legge è molto più attendibile delle parole che formano la legge, perché considera anche le motivazioni e gli atteggiamenti di quelli che Lo venerano. Il Nuovo Testamento (l´Alleanza) contiene alcuni principi molto positivi sullo "spirito della legge", che noi dovremmo seguire. Eccone alcuni: "Sia che tu mangi o che tu beva o qualsiasi cosa tu faccia, fallo rendendo grazie a Yahweh", 1 Corinzi 10:31.
"Prova tutte le cose; tieniti saldo a ciò che è buono. Astieniti da tutte le cose malvagie. E il grande Elohim della pace ti santificherà completamente; quindi l´intero tuo spirito, la tua anima ed il tuo corpo si mantengano irreprensibili all´arrivo del nostro Redentore Yahshua, il Messia", 1 Tessalonicesi 5:21-23.
La tua propria coscienza deve essere la tua guida per quanto riguarda l´ uso dei titoli spuri, usati per glorificare il tuo Creatore. Domanda a te stesso: Può mai essere che il suo Santo Nome Yahweh sia segnato sulla mia fronte e che allo stesso tempo io non Lo nomini mai in preghiera o nei canti liturgici dedicati a Lui, che presupporrebbero l´utilizzo di quel Nome che salva e protegge ?
E´ mai possibile sai di dover cantare in coro l´ HalleluYah sul Mare di Vetro— e pur sapendolo, adesso ti rifiuti costantemente di usare quel Nome Santo? Se la Sposa si rifiutasse di pronunciare il Nome di suo Marito Yahshua, con chi sei sposerebbe?

D Cosa possiamo dire riguardo a tutti quegli altri nomi che stanno al posto del Padre Paradisiaco e che abbiamo letto nella Bibbia? Possiamo chiamarlo anche con questi altri nomi?

R Yahweh, chiaramente, ci svela il Suo Nome per mezzo del quale Egli desidera essere ricordato da tutte le generazioni, Esodo 3:15, e quel Nome, secondo gli antichi manoscritti della Bibbia ed i migliori studiosi della Stessa, è quello di Yahweh. Comunque, la decisione ultima ( quello che dovrà essere ) spetta a Lui, dato che Egli mostra il Suo potere alla gente. I commenti di Rotherham sono particolarmente buoni per quanto riguarda l´ Esodo 3:15, dove spiega che Yahweh diverrà il loro Aiutante, la loro Forza, il loro Liberatore e Confortatore o qualunque altra cosa di cui la Sua gente abbia bisogno.
Quando Yahshua discese sulla terra come Immanuel ("El è con Noi"), si realizzò la profezia di Isaia 9:6 e si realizzerà anche il resto ( della profezia ). Egli verrà chiamato anche "Il Meraviglioso", "Il Consigliere" ed "El l´Onnipotente" . In futuro, verrà chiamato anche "Padre Eterno, Principe della Pace". "Padre Eterno potrebbe essere sostituito con "Padre del Futuro, che rende meglio l´idea"; " Dice Rotherham, "Padre del Futuro", o "Padre del Progresso." Giovanni 11:25-26 ed Atti 3:15 ci forniscono degli esempi.
Gli vengono attribuiti Nomi e Titoli Speciali per farci rendere conto del Suo potere, del Suo scopo, del Suo essere e delle Sue Caratteristiche. Vengono fornite delle definizioni , ma non viene mai nominato.Proprio come noi potremmo chiamare il nostro consorte "zuccherino" o "tesoro" per dimostrare che abbiamo una relazione, allo stesso modo Yahweh ha permesso agli altri di chiamarlo anche con altri appellativi. Ma il Suo nome è sempre Yahweh. Suo figlio rappresenta la Salvezza che Egli ha inviato su questa terra-Yah-shua.

D Se ci sono anche delle altre persone che si chiamano Yahshua, nella Bibbia? Come ma, poi, Yahshua è un Nome tanto speciale?

R Sì, è vero che altre persone si chiamavano Yahshua. Anche se qualcun altro ha il tuo stesso nome, non significa che il tuo nome perda importanza, per te . In nessun modo il Nome del Redentore può essere svalutato solo perché altri si chiamano allo stesso modo. Tu non dici agli altri che non devono più chiamarti con il tuo nome solo perché qualcun altro ha il tuo stesso nome.
Ciò che rende speciale una cosa è la venerazione o il valore che noi gli infondiamo. Per esempio, il giorno del Ringraziamento è stato reso speciale da un ordine statale. Il Nome Yahshua è stato reso speciale da una proclamazione ( ordine ) celeste, istituita dall´ Unico Essere che avesse l´autorità e il potere di mettere in pratica il contenuto di quel Nome—"Yahweh salva ( è salvezza )".
Anche se altre persone hanno avuto lo stesso nome di"Yahshua", solamente Uno è stato dichiarato santo fin dal giorno in cui è stato concepito, Luca 1:30-35. E´ proprio quello che Lui è, era, e sarà, che rende quel Nome tanto speciale . C´è poi un significato importante in quel Nome ed è per questo che noi diciamo che non c´è nessuno altro nome rivelato agli uomini, attraverso il quale saremo salvati", Atti 4:12. Esiste solamente un Yahshua che sia il Messia.

D Se il Nome di Yahweh e quello del Figlio Yahshua sono così importanti, cosa accadrà a tutti che sono morti senza conoscere l´unico Nome" celeste rivelato agli uomini e per mezzo del quale dobbiamo essere salvati", Atti 4:12?

R Negli Atti,17:30 possiamo leggere, "Quando ignoravamo il Suo Nome, Yahweh ha chiuso un occhio, ma adesso ordina a tutti gli uomini, dovunque essi siano, di pentirsi." Noi esistiamo affinchè possiamo camminare nella luce che c´ è stata donata. Una volta capito che Yahweh desidera che usiamo il Suo Nome Santo e che la nostra salvezza e liberazione futura dipendono dal "fare appello al Nome di Yahweh" (Gioele 2:32; Geremia 10:25) e se permetteremo allo Spirito Santo di controllare le nostre vite, significherà che stiamo rispettando Yahweh.
Noi non veniamo giudicati per quello che non sappiamo, ma per quello che sappiamo—e facciamo male ( e non mettiamo in pratica ). Una delle definizioni del peccato è: " Colui che conosce il bene, e non lo mette in pratica, è un peccatore", Giacomo 4:17. In Luca 12:48 possiamo leggere, "A Chi molto è stato donato , molto verrà richiesto." Nella Sua saggezza e misericordia, Yahweh ha elaborato un progetto ( di salvezza ) per la Sua gente. Nel momento in cui ci è stato rivelato il Suo Nome, noi siamo responsabili delle azioni che si basano su quella conoscenza. Ma per quanto riguarda quelli che non hanno ascoltato o capito che Lui ha un Nome, Yahweh sarà tollerante.

D Un gruppo dice che devi chiamare "Yahweh", l´Onnipotente ; un altro, "Yahveh"; un altro, "Yahvah"; un altro, "Yahwoh"; un altro, "Yahve" ed ancora un altro, "Yehvoh". Ogni gruppo asserisce che, se non Lo chiami con quello specifico Nome, stai oltraggiando quanto dice il terzo comandamento. Quale ( Nome ) è corretto?

R Gli oppositori di questa dottrina si appellano al fatto che c´è molta differenza di opinione relativa all´esatta compitazione e pronuncia del Suo Nome .Non tutti, tuttavia, hanno la stessa volontà di capire e di conoscere. Nella Bibbia, non è stata mai menzionata una condanna nei confronti di chi abbia sbagliato a pronunciare il Suo Nome Santo, se questo tentativo di pronunciarlo fosse stato un onesto tentativo ed avesse avuto il fine di osannare il Suo Nome. Ma esiste una condanna terribile per cloro che sanno e allo stesso tempo si rifiutano di chiamarlo con il Suo Nome Santo. La collera di Yahweh non solo colpirà, durante gli ultimi giorni, i pagani che hanno commesso atroci crimini, ma ricadrà anche "sulle famiglie che non l´hanno mai chiamato con il Suo vero Nome", perché essi hanno perseguitato la Sua gente, ossia coloro che veneravano il Suo Nome Santo (Geremia 10:25; Matteo 24:9). Non sarebbe meglio tentare di pronunciare il Suo Nome Santo, anche se con una pronuncia non del tutto corretta, piuttosto che rifiutarci proprio di usarlo?
Non possiamo, però, dire che a causa della differenza di compitazione e pronuncia del Suo Nome Santo, non esista una forma corretta.
Lo stesso malinteso che esiste sulla dottrina del Nome è stato ritrovato nelle congregazioni cristiane anche per quanto riguarda le altre dottrine. Si pensi al battesimo, alcuni fanno una spruzzatina d´acqua, altri la fanno colare ed altri ancora fanno immergere nell´acqua.

HalleluYah!!
(Servitore di Yahweh)
contatti
Siete bene venuti nel nostro FORM Cristiano, che Yahweh sia benedetto in eterno per averci donato il Suo carissimo Figliuolo per la nostra salvezza.
I campi in grassetto sono obbligatori.
Informativa privacy
Il sito web www.yahweh7day.com raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l´impegno e l´attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo all´artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.yahweh7day.com fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
Assemblea di YAHWEH in Yahshua del 7 giorno
Via Giordano Bruno, 133
83016 - Roccabascerana (AV) Italia
P.IVA e C.F. PRNVTR42P21H382F

Email: yahweh.yahshua@libero.it
Telefono: 3890912097

Tipi di dati acquisiti
www.yahweh7day.com raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall´utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.yahweh7day.com.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l´utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.yahweh7day.com si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l´utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.yahweh7day.com .

www.yahweh7day.com utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l´analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.yahweh7day.com/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L´utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.yahweh7day.com si assume la completa responsabilità degli stessi. L´utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.yahweh7day.com non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l´accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L´utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.yahweh7day.com il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L´utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l´elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il tiolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.yahweh7day.com, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell´utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della comunità europea. I dati personali dell´utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all´utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l´utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all´utente;
- per fornire un contratto all´utente;
- per fornire un servizio all´utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L´utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell´utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- invio informazioni su servizi;
- informazioni su eventi;
- invio di newsletter.

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l´utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L´utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull´acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l´utente
Moduli di contatto
L´utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Newsletter o SMS
L´utente può iscriversi alla newsletter del sito web www.yahweh7day.com. All´indirizzo email specificato dall´utente potranno essere inviati messaggi contenenti informazioni di tipo tecnico, informativo, commerciale e/o promozionale.
La registrazione alla newsletter viene eseguita con double opt-in.
All´utente viene inviata una email (all´indirizzo email indicato) con all´interno un link su cui cliccare per confermare che l´utente sia realmente il proprietario dell´indirizzo email.

Lo stesso servizio può essere effettuato tramite SMS.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.yahweh7day.com include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l´utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l´utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Google+: Pulsante +1 e widget sociali
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Google+
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l´utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.yahweh7day.com.

I dati acquisiti e l´utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell´utente per monitorare e analizzare l´utilizzo del sito web www.yahweh7day.com, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l´utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l´utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Widget Google Maps
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare e interagire con mappe esterne sul proprio sito web
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell´interessato
L´utente possiede tutti i diritti previsti dall´art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l´account di accesso all´area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all´utente (art. 15 Diritto all´accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L´utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento Assemblea di YAHWEH in Yahshua del 7 giorno ai seguenti recapiti: yahweh.yahshua@libero.it; tel. 3890912097.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L´utente ha il diritto di proporre reclamo all´Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Si raccomanda di consultare nel dettagli anche la Cookie Policy (https://www.yahweh7day.com/Informativa-sui-cookies.htm).

Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell´utente nell´utilizzo di www.yahweh7day.com o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell´utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L´utente ha diritto di richiedere a www.yahweh7day.com informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l´utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.yahweh7day.com e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell´utente, come ad esempio l´indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L´utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.yahweh7day.com.
L´utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L´utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull´effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell´utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.yahweh7day.com, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l´indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l´utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell´utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.yahweh7day.com.
Coincide con l´interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l´indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l´interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all´esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l´autorità pubblica, l´impresa, l´ente pubblico o privato, l´associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.yahweh7day.com (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.yahweh7day.com come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell´Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all´interno del dispositivo dell´utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.yahweh7day.com, dove non diversamente specificato.

Data ultima modifica: 08/06/2018
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.yahweh7day.com
Il sito web www.yahweh7day.com raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l´impegno e l´attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo all´artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.yahweh7day.com fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
Assemblea di YAHWEH in Yahshua del 7 giorno
Via Giordano Bruno, 133
83016 - Roccabascerana (AV) Italia
P.IVA e C.F. PRNVTR42P21H382F

Email: yahweh.yahshua@libero.it
Telefono: 3890912097

Tipi di dati acquisiti
www.yahweh7day.com raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall´utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.yahweh7day.com.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l´utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.yahweh7day.com si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l´utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.yahweh7day.com .

www.yahweh7day.com utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l´analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.yahweh7day.com/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L´utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.yahweh7day.com si assume la completa responsabilità degli stessi. L´utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.yahweh7day.com non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l´accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L´utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.yahweh7day.com il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L´utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l´elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il tiolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.yahweh7day.com, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell´utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della comunità europea. I dati personali dell´utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all´utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l´utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all´utente;
- per fornire un contratto all´utente;
- per fornire un servizio all´utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L´utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell´utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- invio informazioni su servizi;
- informazioni su eventi;
- invio di newsletter.

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l´utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L´utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull´acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l´utente
Moduli di contatto
L´utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Newsletter o SMS
L´utente può iscriversi alla newsletter del sito web www.yahweh7day.com. All´indirizzo email specificato dall´utente potranno essere inviati messaggi contenenti informazioni di tipo tecnico, informativo, commerciale e/o promozionale.
La registrazione alla newsletter viene eseguita con double opt-in.
All´utente viene inviata una email (all´indirizzo email indicato) con all´interno un link su cui cliccare per confermare che l´utente sia realmente il proprietario dell´indirizzo email.

Lo stesso servizio può essere effettuato tramite SMS.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.yahweh7day.com include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l´utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l´utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Google+: Pulsante +1 e widget sociali
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Google+
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l´utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.yahweh7day.com.

I dati acquisiti e l´utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell´utente per monitorare e analizzare l´utilizzo del sito web www.yahweh7day.com, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l´utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l´utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Widget Google Maps
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare e interagire con mappe esterne sul proprio sito web
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell´interessato
L´utente possiede tutti i diritti previsti dall´art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l´account di accesso all´area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all´utente (art. 15 Diritto all´accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L´utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento Assemblea di YAHWEH in Yahshua del 7 giorno ai seguenti recapiti: yahweh.yahshua@libero.it; tel. 3890912097.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L´utente ha il diritto di proporre reclamo all´Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Si raccomanda di consultare nel dettagli anche la Cookie Policy (https://www.yahweh7day.com/Informativa-sui-cookies.htm).

Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell´utente nell´utilizzo di www.yahweh7day.com o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell´utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L´utente ha diritto di richiedere a www.yahweh7day.com informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l´utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.yahweh7day.com e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell´utente, come ad esempio l´indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L´utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.yahweh7day.com.
L´utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L´utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull´effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell´utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.yahweh7day.com, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l´indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l´utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell´utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.yahweh7day.com.
Coincide con l´interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l´indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l´interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all´esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l´autorità pubblica, l´impresa, l´ente pubblico o privato, l´associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.yahweh7day.com (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.yahweh7day.com come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell´Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all´interno del dispositivo dell´utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.yahweh7day.com, dove non diversamente specificato.

Data ultima modifica: 08/06/2018
torna indietro leggi Privacy Policy per www.yahweh7day.com  obbligatorio