21 Luglio 2017
immagine di testa

La carne è tutta commestibile?
percorso: Home

La carne è tutta commestibile?

Gli animali furano tutti purificati? Che cosa significa la visione
di Pietro degli animali impuri? Ecco la semplice e schietta risposta
della Bibbia. Questo soggetto è molto importante per la vostra salute
ed il vostro benessere!
Sono fermamente convinto, tra le altre cose, che sia tutt´oggi valida la distinzione tra animali puri ed animali impuri. Infatti una Scrittura che parla del nostro futuro, distingue ancora gli animali puri ed impuri. In
Apocalisse (Rivelazione) è scritto che <<"Babilonia la grande"
diverrà albergo... d´ogni uccello immondo abominevole...>> (Apoc:
18:2).
Bisogna poi considerare che, anche se Yahweh dette all´antico Israele il comando di distinguere tra animali puri ed impuri, questa distinzione non è cominciata sotto l´ Antico Patto, né con gli Ebrei, ma sin dalla creazione! Notate Genesi 7:2: "D´ogni specie di animali puri prendine sette paia, maschio e femmine; e degli animali impuri, un paio...". Quando,
secoli dopo, Yahweh fondò la nazione d´Israele e gli stabilì
temporaneamente il sacerdozio Levitico, fu un fatto del tutto naturale
per Dio ordinare loro che sacrificassero animali puri per l´espiazione
dei loro peccati. Non poteva certo ordinare loro di sacrificare e
mangiare animali impuri, in quanto ciò non sarebbe costato loro alcuno
sacrificio. La loro ricchezza erano gli animali puri, non quelli
impuri. Quelli puri e senza difetto, tra l´altro, servivano anche a
prefigurare il Messia senza peccato. Per provare inoltre che la
distinzione dei cibi puri ed impuri esiste ancor oggi ed esisterà anche
in futuro, leggete la stupenda profezia in Isaia 66:17,18,22.
Infine, Yahshua non dichiarò puri tutti i cibi, come alcuni
editori hanno disonestamente aggiunto in Marco 7:16-19. È risaputo che
questi versetti mancano nei più antichi manoscritti e sono stati in
parte manipolati e aggiunti dal vescovo di Roma (papa) Eleuterio nel
179 d.C. Eleuterio fu un carnefice e perseguitò migliaia di cristiani
che ancora osservavano la distinzione delle carni per la saluta del
loro corpo quale tempio di Yahweh. Yahshua abolì ogni legge sacrificale
solo al momento in cui sacrificò Sé stesso, e non prima. Se la
distinzione delle carni fosse stata una legge abrogabile con la morte
del Messia, come avrebbe mai potuto Egli abrogarla mentr´Egli era
ancora in vita? Questa è un´altra prova che il Messia non ha
affatto purificato i cibi. Un´altra prova è la realtà dei fatti: forse
non esistano anche funghi o erbe velenose? Bisogna essere sempre
attenti poiché a volta l´interpretazione che si dà sulle particolari
caratteristiche di cui dovevano essere dotati tutti gli animali dei
quali si poteva mangiare è stupenda e molto probabilmente Iddio ha
creato quelli animali in quel modo anche per sottintendere questo
significato.
Inoltre, l´apostolo Pietro, svariati anni dopo la morte e la
risurrezione del Messia, (Cristo) dichiarò di non aver mai mangiato
carni impure (Atti 10:14). Ovviamente, se il Messia, in Marco 7, avesse
insegnato ai discepoli che le carni impure erano commestibili,Pietro e
gli altri, da quel tempo in poi, le avrebbero mangiate. Il malinteso,
in Marco 7:19, è principalmente dovuto alla differenza fra la lingua
greca e quella italiana. Il vangelo di Marco fu scritto in greco e la
frase in questione nel testo ispirato, è molto diversa da quella della
maggior parte delle traduzioni italiane. Purtroppo, alcuni traduttori
hanno creduto erroneamente che il Messia, (Cristo) in questo
contesto, intendeva abolire le leggi relative alle carni impure e di
conseguenza, nelle loro versioni, hanno cambiato la chiara struttura
grammaticale del testo greco originale, aggiungendo perfino dei termini
che non esistono nel testo greco ispirato. Per prima cosa, va
sottolineato che il contesto non ha nulla a che fare con le carni pure e impure! Se leggete attentamente Marco 7:1-7, troverete che il soggetto del contesto era la contaminazione cerimoniale e rituale, basata sulle tradizioni degli anziani, e non sulle leggi di Yahweh (cfr. 7,8). È chiaro che il Messia si riferiva alla tradizione farisaica - non
alle leggi che in principio era la Parola e il Padre Yahweh gli
aveva comandato di ispirare ed elencato nel Canone dell´Antico
Testamento. Nel versetto 14, il Messia chiarì ulteriormente l´intero
concetto. A un´analisi attenta di questo versetto riscontriamo che Egli
non stava alludendo a specifici tipi o categorie di cibo o carni. Anzi,
Egli stava parlando del modo in cui si mangiava qualsiasi tipo
di cibo commestibile (ricordate: secondo la tradizione farisaica, non
si poteva mangiare nulla senza essersi lavati cerimoniosamente le mani
- vss. 2-4). Nel versetto 15, il Messia disse che la contaminazione spirituale
è possibile solamente per via dei pensieri malvagi, la vanità,
l´orgoglio e altri difetti di carattere (cfr. vs. 23), e non per via di
qualche granello di sporco che può rimanere nelle mani non lavate, o di
qualche tipo di contaminazione cerimoniale nel caso i contenitori del
cibo non venissero lavati cerimoniosamente (cfr. nuovamente il vs. 4).
A questo punto, è possibile comprendere appieno il significato del
versetto 19, spesso incompreso e mal interpretato. Secondo il testo
greco ispirato, il versetto dovrebbe essere tradotto come lo rende la
versione Diodati: < [ spiritualmente e permanentemente]? Conciossiachè non gli entri nei cuori, anzi nel ventre, e poi se ne vada nella latrina, purgando tutte le vivande>>. Ciò
vuol dire che anche se colui che mangia non si è lavato le mani secondo
la tradizione degli anziani, il processo digestivo e d´eliminazione
purgano il corpo dalla contaminazione rituale o reale, compresa la
piccola quantità di corpi.
Le istruzioni di Paulo per i vegetariani
L´epistola di Paulo ai Romani viene spesso citata per sostenere
l´idea che ogni tipo di carne sia commestibile. Ma è proprio questo ciò
che Paulo insegno? Notate, in Romani 14, che cosa scrisse l´apostolo:
<[cioè non polemizzate con lui, e non giudicatelo a motivo della sua
debolezza].... L´uno crede di poter mangiare di tutto, mentre l´altro, che è debole, mangia legumi>> (Rom. 14:1,2).
Ma di chi stava scrivendo Paulo? Di coloro che erano vegetariani, e di coloro, invece, che credevano che si possano mangiare sia tutte i tipi di carne che i vegetali.
Paulo dovette affrontare lo stesso problema che incontriamo oggi
nel portare il Vangelo al mondo. Rimarreste sorpresi dal constatare il
numero di persone che non mangiano non solo la carne, ma neppure i
prodotti animali come il latte, burro, il formaggio e le uova. Altri,
invece, osservano dei giorni in cui non mangiano nessun tipo di carne,
tranne il pesce. Queste sono tutte persone che essendo <> nella
fede si astengono da quelle carni pure che Yahweh Dio aveva
santificato, o separato con la Sua Parola perché servissero di
nutrimento per l´uomo. Il versetto 2 mostra che il problema era certi
vegetariani sostenevano che nessun di carne doveva essere mangiata. Paulo,
quindi, chiarì la questione dicendo loro che nessuna di quelle carni
pure che Yahweh aveva create perché venissero mangiate con redimendo di
grazie doveva essere rifiutata. Egli fece notare, comunque, che sarebbe
stato sbagliato per i vegetariani di mangiare della carne se avevano dei dubbi, perché,
facendo così, avrebbero macchiato la loro debole coscienza. Egli,
infatti, scrisse: <<... Beato colui che approva. Ma colui che sta in dubbio, se
mangia , è condannato, perché non mangia con convinzione; e tutto
quello che non vien da convinzione è peccato>> (Rom. 14:22,23).
Noi dobbiamo seguire ciò che Yahweh ha rivelato, secondo la sua Parola.
Questo però non vuol dire affatto che la nostra coscienza ci indica
sempre ciò che è giusto! Dobbiamo studiare continuamente per poter
imparare che cosa è giusto e cosa è sbagliato. Yahweh, comunque,
considera migliore un vegetariano che con tutta sincerità si priva
delle carni pure -perché non conosce completamente la verità - di colui
che secondo la lettera opera giustamente, ma in cuor suo ha dei dubbi e
crede di far male. Così, per il vegetariano che <cosa è impura [greco: contaminata], per lui [cioè per il vegetariano] è
impura [greco: contaminata]>> Rom. 14:14); ovvero così pare a
lui,anche se in realtà non è. Non lo è per noi che sappiamo la verità e
ci rendiamo conto che tutta la carne pura è commestibile. Ecco perché
Paulo scrisse: <che nessuna cosa è impura [greco: contaminata] in sé stessa (Rom.
14:14). In questo versetto, Paulo usò lo stesso parola greca che in
Atti 10:14 è stata correttamente tradotta con<> , una parola diversa da quella usata parola diversa da quella usata per descrivere la carne impura.
Contaminata non significa impuro!
Molti hanno negligentemente pensato che Paulo, in questo capitolo,
si fosse riferito alle carni impure, ma non è così. Egli stava
alludendo alla differenza fra i vegetariani, i quali pensavano che
tutte le carni fossero <>, e coloro che sapevano che le carni pure, in sé stesse, non sono <>. Nel testo greco ci sono due parole diverse che vengano tradotte, con <> o con <>.
Notate che in Atti 10:14 ambedue queste parole sono usate nella stessa
frase. La Bibbia non si ripete insensatamente, e quindi queste due parole significano due cose diverse! Il termine greco che significa <> è akathartos, che indica una cosa che è impura per natura. Il termine greco tradotto con <>, invece, è koinos, che
indica una cosa che diviene contaminata a causa di un uso improprio
esteriore (consultate un qualsiasi dizionario del greco del Nuovo
Testamento). Paulo usò la parola greca koinos che significa <> in Romani 14:14. Egli non usò la parola akathartos, che significa <> o <>.
In altre parole, Paulo sapeva che i cibi puri che Yahweh ha santificato
non sono contaminati per natura, i vegetariani, che erano deboli nella
fede, ciò deboli nella comprensione della Parola di Yahweh Dio,
pensavano che tutte le carni non dovessero essere mangiate. Per quei
vegetariani, e non per gli altri, quelle carni sembravano essere <>. La loro coscienza rendeva quelle carni contaminate per loro,
in quanto essi sarebbero stati sconvolti in cuor loro se ne avessero
mangiato. Questo, tuttavia, non poteva letteralmente contaminare le
carni pure per gli altri Cristiani (Messianici). Leggete quindi la
conclusione di Paulo: <>: sì, tutte le cose santificate da
Dio e ch´Egli ci ha dato come cibo sono pure, <quand´uno mangia dando intoppo. E bene non mangiar carne, né bere vino,
né far cosa alcuna che possa esser d´intoppo al
fratello>> vss. 20,21). Paulo non raccomandò di mangiare
carni impure. Al contrario! Egli raccomandò di non mangiare nessun tipo di carne comprese quelle pure, alla presenza di un fratello vegetariano, se questi ne sarebbe offeso!


Quand´è <> la carne pura?
Le uniche circostanze in cui della carne pura può essere
contaminate è quando un animale muore da sé o non è stato propriamente
dissanguato (deve essere privo di sangue). Questa è la ragione per cui
gli apostoli e gli anziani che erano radunati a Gerusalemme proibirono
l´uso degli animali soffocati e della carne con il sangue (Atti
15:19,20). Questo è un insegnamento del Nuovo Testamento per oggi! Al
tempo del Nuovo Testamento, le carni pure offerte agli idoli erano
proibite se gli animali erano stati strangolati, o se il sangue era
stato lasciato in essi, altrimenti la carne poteva essere mangiata,
perché non offendesse nessuno! Paulo scrisse l´interno capitolo
8 ed il capitolo 10 della prima epistola ai Corinzi per dare
istruzioni affinché la questione delle carni sacrificate agli idoli non
venisse neppure sollevato. <cosa di sacrifici, non ne mangiate per riguardo a colui che v´ha
avvertito, e per riguardo alla coscienza>> (Cor. 10:28). In altre
parole, se la carne pura offerta agli idoli non era contaminata, poteva
essere mangiata affinché non offendesse nessuno. In quelle circostanze,
la carne diverrebbe contaminata per la persona che aveva sollevato la
questione, e non per gli altri. Notate: <> (vs29). Questa è la ragione per cui Paulo, nell´epistola ai Romani, scrisse: << se un uomo considera qualche cosa contaminata [koinos] per lui è contaminata [koinos]>> (Rom. 14:14.

UNA PROFEZIAPER IL FUTURO
Che cosa dice la Bibbia che avrebbe fatto la gente d´oggi, degli
ultimi giorni, ciò della nostra era moderna? Leggetelo voi stessi in
Isaia 66:1, 5,17: << Poiché ecco, (l´Eterno) Yahweh verrà nel
fuoco, e i Suoi carri saranno come l´uragano per dare la retribuzione
della Sua ira con furore, per eseguire le Sue minacce con fiamme di
fuoco. Poiché Yahweh eserciterà il Suo giudizio col fuoco e colla Sua
spada, contro ogni carne; e gli uccisi di Yahweh (dall´Eterno)
saranno molti: quelli che si santificano e si purificano per andar nei
giardini dietro all´idolo ch´è qui in mezzo, quelli che mangiano carne di porco, cose
esecrande e dei topi, saranno tutti quanti consumati, dice
Yahweh.>> Coloro che si professano Cristiani e che insistono
nella falsa idea di poter mangiare ogni cibo impuro dovrebbero leggere con estrema attenzione questi
versetti, ed applicarne l´ammonimento a sé stessi! Notate che il
contesto è interamente profetico, ed in esso si fa chiaramente
riferimento al ritorno di Yahshua il Messia (Gesù Cristo)
(vs. 15); è anche menzionata una chiara condanna per coloro che
violano follemente il proprio corpo mangiando cose impure e non
commestibili. Dunque è importante agli occhi di Yahweh se osserviamo o
meno le leggi bibliche sulla dieta! Il profeta Isaia descrisse qui il
giudizio di Yahweh Dio su una società decadente, ed il mangiare <> è
chiaramente indicato come un segno di questa degenerazione. C´è forse
da meravigliarsi se oggi, nonostante tutto il sapere scientifico
acquisito, abbiamo accumulato più spese mediche e più malattie di
qualsiasi altro periodo della storia dell´uomo? È ora di tornare a
Yahweh e di ubbidire alle Sue leggi. Egli è il nostro Creatore, fu Lui
a farci, e sapeva bene anche che Yahshua il Messia, (Gesù Cristo) ben
lontano dall´abolirla, aveva continuamente osservata questa legge,
astenendosi da ogni animale impuro. Ora, notate che quando Pietro si
rifiutò di mangiare, la voce dal cielo gli disse:
<>
(vs. 15). Non disse affatto che ciò che Dio aveva purificato erano quei
rettili, uccelli e animali selvatici ripugnanti e immondi. Disse che
ciò che Dio ha purificato non deve essere chiamato contaminato o
immondo! Ma che cosa purificò Yahweh Dio?
Ciò che Yahweh purificò veramente
In questa visione, Pietro udì quella voce tre volte. Poi il
lenzuolo fu nuovamente sollevato e portato via in cielo. Che cosa fece
allora Pietro? <> (vs.
17). Egli non si precipitò immediatamente a concludere, come molti
fanno oggi, che Dio, Yahweh, in quell´occasione, cambiò la legge che
proibisce il consumo degli animali impuri, pochi anni dopo la sua morte
! Notate, invece, che cosa accadde! Come Pietro stava pensando alla
visione, lo Spirito gli disse: <> (vs. 28). <> non erano dunque gli animali impuri, ma gli uomini dei popoli gentili, che sino a quel tempo erano stati considerati come impuri dal popolo giudaico. Gli animali impuri della visione di Pietro furano dunque usati per simboleggiare le razza gentili degli uomini. Infatti,
era stato proibito ai Giudei di aver dei rapporti con i Gentili a causa
delle loro usanze abominevoli. A questo punto, però la parete di
separazione spirituale fu abbattuta, e la salvezza venne offerta anche
ai Gentili. Alla fine, Pietro comprese il significato della visione, e
disse: <alla qualità delle persone; ma che in qualunque nazione, chi lo teme ed
opera giustamente gli è accettevole>> (vss. 34,35). tre uomini che
ti cercano. Leviti dunque, scendi, e va´con loro, senza fartene
scrupolo, perché sono io che li ho mandati (vss. 19,20). Nella visione,
la voce dal cielo gli aveva parlato tre volte, perché tre uomini
gentili, due servi e un soldato (
Si, per essere accette voli a Yahweh noi dobbiamo temerlo ed operare con giustizia. Ma che cos´è la giustizia?
<> (Sal.
119:172), e fra questi comandamenti ci sono anche le leggi che
stabiliscano quali tipi di carne sono pure e quali impure!


Siamo solo dei bambini cresciuti...
Certamente, ci si potrebbe chiedere se ci sia nessuno ed essere
veramente cresciuto! Per la maggior parte, infatti, noi adulti
sembriamo ancora credere che tutto ciò che riusciamo a mettere in bocca
sia buon cibo. L´unica differenza fra il nostro comportamento e quello
dei bambini sta nel fatto che i neonati mettono in bocca qualunque cosa
che li attiri alla vista, mentre noi adulti usiamo
il senso del gusto per decidere che cosa mettiamo in bocca. Il vostro
stomaco potrebbe essere paragonato ad un <benzina>>, proprio come il serbatoio della vostra automobile
potrebbe essere considerato, in un certo senso, come il suo
<>. Naturalmente, non ci pensate neppure di
riempire lo <> della vostra auto con qualsiasi
cosa che vi si possa versare... Lo sapete bene che la vostra auto
non è stata fatta per consumare e <> l´olio,
l´acqua, il latte, l´aranciata o il kerosene come carburante. Sì, noi
stiamo molto attenti a che cosa usiamo per <> la
nostra automobile, ma siamo assolutamente noncuranti ed indifferenti su
come nutriamo noi Stessi e i nostri figli! Che cosa accade al cibo che
mangiamo? Viene digerito nello stomaco, e in seguito (se avete mangiato
gli alimenti giusti) uno parte delle vitamine e dei minerali essenziali
alla vita filtrano attraverso le pareti intestinali ed entrano nel
flusso sanguigno per rifornire e sviluppare le cellule, dando energia,
colore e buona salute al corpo. Il vostro corpo è fatto in modo
stupendo e meraviglioso: infatti, è il meccanismo più straordinario del
mondo! Ma proprio come dovete usare il giusto tipo di carburante,
lubrificante, ecc. nella vostra auto per non danneggiare il motore,
allo stesso modo dovete mettere il giusto tipo di cibo all´interno
del meccanismo più delicato di tutti: il vostro corpo. Se cercaste di
lubrificare un orologio di precisione con del grasso per automobili, è
ovvio che non potreste aspettarvi di vederlo continuare a funzionare.
Analogamente, quando ingerite ogni sorta di cose immonde che il Grande
Architetto del vostro meraviglioso meccanismo umana non intendeva che
fossero usate come cibo, voi contaminate il vostro corpo, v´arrecate
malattie, mali, dolori, una mente offuscata e confusa; vi rendete
inefficienti, e commettete un vero e proprio suicidio a rate,
accorciando in effetti la vostra vita! Lo stesso Yahweh Dio che ha
ideato e creato il vostro corpo ha rivelato delle conoscenze
fondamentali ed essenziali sui tipi di carne che lo mantengono in
perfetta forma - l´umanità purtroppo ha rifiutato le Sue istruzioni.

Voi state mangiando del veleno!
Voi non mangiate qualsiasi pianta che cresce dal suolo, perché sapete bene alcuno di esse sono dei veleni, enon
cibo commestibile. Ma lo sapevate che ci sono molti tipi diversi di
veleno? Il cianuro di potassio, per esempio, vi ucciderebbe quasi
istantaneamente. Altri veleni, invece, sono più lenti, e causano la
morte dopo alcune ore o giorni. Ben pochi però sembrano sapere che
esistano anche dei veleni che vengano erroneamente ingeriti come cibo e
che risultano in una morte prematura dopo un uso continuo per dieci,
trenta o cinquant´anni. La sola differenza fra questi veleni che
chiamiamo erroneamente cibo ed il cianuro di potassio consiste nel
relativo numero di minuti, ore o anni che il veleno impiego per portare
a termine la sua opera distruttrice. Proprio come non tutte le
piante che Yahweh fece crescere dal suolo erano state fatte per servire
da cibo, così è pure per quanto riguarda le carni degli animali.
Alcuni, a questo punto, diranno: <dev´essere consumata come cibo, allora perché Yahweh Dio creò i
suini?>> Ma allo stesso modo, potreste chiedere perché Dio creò
le piante velenose. Tutto può essere stato creato per uno scopo
preciso, ma non necessariamente tutto allo scopo di essere manciato!

Mangerete moffette, topi, scarafaggi ecc...?
Supponete però che Yahweh abbia detto a Pietro, e quindi
anche a noi, che egli doveva mangiare gli animali che si trovano nel
lenzuolo della visione. Mangereste subito senza pensare voi i rettili,
le lucertole, i serpenti ed i ragni? Mangereste le moffette, i topi,
gli scarafaggi, e le iene? Naturalmente no! Perche? Perché voi avete
una vostra propria legge su ciò che considerate puro e impuro! Il buon
senso ci dice che Yahweh non voleva che mangiassimo ogni specie di
rettile e ogni animale, ma poi non vogliamo lasciare che il nostro
Creatore ci dica specificamente quali carni ci possono dare una
buona salute prolungata e quale invece sono dannose per i nostri corpi,
e finiranno col procurarci delle malattie e infermità. è ora di
lasciare che sia Yahweh a dirci che cosa è puro e cosa è impuro, invece
di continuare ad usare i nostri fallaci ragionamenti umani! Alcuni,
tuttavia, vogliono pur sempre discutere con Yahweh Dio, e uno dei testi
che citiamo spesso si trova in 1 Timoteo 4:1-5. Leggetelo attentamente.
Notate che le <> includono <<...
l´astensione da cibi che Yahweh Dio ha creati affinché quelli che
credano e hanno ben conosciuta la verità la verità, ne usino con
rendimento di grazia...>>. Ma chi dovrebbe usarne con rendimento di grazie? <>. E checos´è la verità? Il Messia disse: <> (Giov.
17:17). Allora è la Bibbia stessa che rivela quali tipi di carni sono
commestibili. Questo versetto, dunque, dice che non dovremo rifiutare
di mangiare nessun cibo che, secondo la verità, Dio (Yahweh)
creò perché fosse mangiato con rendimento di grazie. Questo non
significa affatto che tutti i tipi di carne siano sane e commestibili.
La falsa dottrina in questione impone, infatti, di astenersi dalle
carni che sono mangiate con rendimento di grazie da coloro che
conoscano <>, cioè la Parola di Yahweh Dio. E la Parola di Yahweh Dio ci dice che ci sono alcune carni che sono <> e che non debbano essere usate con rendimento di grazie! Considerate adesso ciò che insegnano i versetti 4 e 5: <dalla Parola di Dio e dalla preghiera>>. Che cosa significa
<>? Santificare
è una parola che significa rendere santo, o separare per uso o uno
scopo giusto: nel nostro caso,separare per servir da cibo per l´uomo.
Quali carni sono state <> da Dio come cibo per
l´uomo? Parola di Dio (Yahweh) e dalla preghiera>>?
Santificare è una parola che significa rendere santo, o separare per un
uso o uno scopo giusto: nel nostro caso, separare per servir da cibo
per l´uomo. Quali carni sono state <> da Yahweh Dio come cibo per l´uomo? Le uniche scritture nella Bibbia che mostrino quali carni Dio ha <> sono in Levitico 11 e Deuteronomio 14, dove possiamo trovare che solo le carni <>,
cioè sane e commestibili, devono essere considerate come cibo. Queste
sono le sole carni che possano essere ricevute con rendimento di grazie
e con la preghiere!
Non esiste un solo versetto che mostri che Yahweh abbia mai
separato per servir da cibo delle creature impure: rettili, serpenti,
lumache, ostriche, molluschi, polipi, anguille, cavalli, coniglio o
maiali! Eppure, la gente continua a mangiare questi animali, senza
neppure rendersi conto dei danni che arrecano ai loro. Il giorno verrà
in cui finalmente impareremo che il mangiare la carne di maiale ed
altri <> non commestibili è una delle cause principali del cancro e di altre malattie fatali...
E la visione di Pietro
Si, che ne è del lenzuolo che conteneva degli animali immondi e
che fu mostrato a Pietro in una visione (Atti 10)? Questa visione
cambiò forse la composizione della carne degli animali impuri, oppure
l´apparato umano, affinché queste cose immonde e non commestibili,
tutto ad un tratto, potessero diventare cibo nutriente e sano per
l´uomo? No, niente affatto! Lo scopo di questa visione non fu
quello di cambiare le leggi di Yahweh che regolano la salute e il cibo,
le quali sono sempre state attive fin dal principio - ma lo scopo della
visione fu quello di mostrare a Pietro che <> (Atti 10:28)!
Perché tale lezione? A motivo della politica segregazionistica dei
Giudei nei confronti dei Gentili; i Giudei consideravano i Gentili
quasi come degli animali impuri. Aprite la vostra Bibbia al decimo
capitolo degli Atti e leggete esattamente ciò che dice. Notate che
Cornelio era un soldato italiano, un incirconciso, e quindi un Gentile
di razza. Per i Giudei, egli era da considerare come un uomo impuro! Yahweh però guarda al cuore, e non alla razza. Cornelio faceva <>
al popolo giudaico (vs. 2); Yahweh ricordò le sue elemosine e gli
comandò, in una visione, di inviare alcuni dei suoi servi a loppe, per
mettersi in contatto con Pietro. Nel versetto 9, leggiamo che Pietro
era un uomo devoto alla preghiera, e mentre pregava sul terrazzo di una
casa, egli ebbe fame. Poco prima di mezzogiorno, Pietro ebbe la sua
visione, nella quale vide il cielo aprirsi ed un lenzuolo che veniva
calato sulla terra. In esso, c´ erano <>
(vs. 12). Notate che quel lenzuolo conteneva animali d´ogni tipo
immaginabile, inclusi quelli selvatici: leoni, tigri, iene, scimmie,
moffette, rettili, serpenti, lucertole, insetti, ragni, avvoltoi,
corvi, aquile, ecc. Pietro fu scosso alla vista di tutte queste
creature, ma come se ciò non bastasse, Yahweh Dio gli comandò poi di
ucciderle e mangiarle! Che cosa disse Pietro? <> ( Atti 10:14)! Notatelo!
Pietro aveva vissuto con Gesù Cristo (Yahshua il Messia) giorno e notte
per più di tre anni, ed è ben chiaro che aveva compreso dagli
insegnamenti e dall´esempio personale di Gesù (Yahshua), che c´erano
delle creature che non sono commestibili. Questa è la ragione per cui
Pietro, quando ebbe questa visione, dieci anni dopo l´abolizione dei
rituali e delle cerimonie in seguito alla crocifissione del Messia
(Cristo), si rifiutò di mangiare. Egli sapeva che la legge di Yahweh
degli animali puri e impuri era sempre in pieno vigore, e
quindi conosce bene che cosa occorre per mantenere il corpo sano e in
forma con dei cibi puri e sani. Egli stabili delle leggi che
definiscano quali sono le carni pure e quelle impure. È ora quindi di
cominciare ad ubbidirle, come fecero Gesù - Yahshua e gli
Apostoli! Yahweh, inoltre, proibisce di mangiare il grasso ed il sangue
(Lev. 3:17; 7:23-27). Il burro, l´olio d´oliva ed alcuni altri tipi
d´olio e grasso vegetae sono accettabili, ma il grasso animale deve
essere tagliato e rimosso prima di mangiare la carne. Spesso la carne
macinata di qualità inferiore non è buona, perché viene mescolata con
un gran quantità di grasso. Il lardo, ovviamente, non dovrebbe essere
mai usato. Con il tempo, infatti, queste cose sarebbero in grado di
rovinare qualsiasi stomaco.


E i pesci e gli uccelli?

La Bibbia stessa definisce quali pesci sono commestibili: <> (Lev. 11:9). Il versetto 10 chiarifica: <>. Molti però, mi domandano quali pesci hanno pinne e squame. Prima di tutto, fra i pesci più noti, vediamone alcuni che sono IMPURI, in quanto privi di squame o di pinne e quindi non commestibili: il pesce gatto, l´anguilla, il capitone, lo storione ed il pesce spada.
Questi pesci, infatti, non hanno delle vere squame. Ci sono anche altre
forme di vita acquatica che sono impure, e quindi non commestibili: ostriche, molluschi, granchi, aragoste, cozze, conchiglie, gamberetti, calamari, balene, ecc. Fra i pesci più comuni, alcuni che sono PURI, e quindi commestibili, dotati sia di pinne sia di squame, sono: l´alalonga,
l´acciuga, il pesce persico, la carpa, il merluzzo, la pianuzza,
l´aringa, lo sgombro, il luccio, il salmone, la sardina, la sogliola,
la trota, il tonno, ecc.. Alcune persone, non molto competenti per
poter giudicare i pesci, hanno pensato erroneamente che alcuni dei
pesci puri elencati fossero senza squame, ma questo non è vero. Un
punto da tenere in mente è che alcuni pesci hanno delle squame molte piccole, o
localizzate solo in alcune parti del corpo (vicino alla testa, da una
parte sola del corpo, o vicino alla pinna caudale). In questi casi,
avendo sia pinne sia squame, questi pesci sono puri, e quindi
commestibili. Per quanto riguarda gli uccelli, invece, quali sono
quelli commestibili? La risposta si trova in Levitico 11:13-19 e in
Deuteronomio 14:11-20. Ciascuno di questi brani elenca delle specifiche
varietà di uccelli impuri, ciò non commestibili. La lista non
contempla nessun uccello puro. Solamente due dozzine di uccelli impuri
vengano elencati, fra le migliaia di tipi e specie di uccelli che
esistano. Questi uccelli immondi illustrano infatti le caratteristiche
di tutti gli uccelli impuri, in quanto sono elencati secondo i tipi. La
domanda quindi è: in che cosa differiscano questi uccelli immondi da
quelli puri e quindi commestibili? Le caratteristiche degli
uccelli puri vengano chiaramente determinate dalla colomba e dal
piccione (Luca 2:24 Lev. 1:14-17), i quali, anticamente, venivano
offerti nei sacrifici. Confrontando le differenze fra questi
uccelli puri e quelli elencati come impuri, possiamo dedurre le
seguenti sei caratteristiche degli uccelli puri:
1) Non devono essere degli uccelli predatori;
2) Possono
prendere del cibo nell´aria, ma lo portano sempre al suolo, dove lo
dividono con i loro becchi, se possibile, prima di mangiarlo, mentre
gli uccelli impuri lo divorano nell´aria, oppure lo trattengono al
suolo con una zampa, mentre lo strappano con il becco;
3) Devono avere il dito medio frontale delle zampe allungato, e un dito posteriore;
4) Quando stanno
su un posatoio, le dita delle loro zampe devono aprirsi in tal modo da
mantenere le tre dita anteriori da un lato ed il dito posteriore
dall´altro del posatoio;
5) Devono avere un cozzo;
6) Devono avere
un ventriglio con uno strato muscolare doppio facilmente separabile.
(vedi anche Jewish Encyclopedia articoli sul <>
e <>). Gli uccelli puri hanno tutte
queste caratteristiche, mentre quelli impuri mancano di una o più di
esse. Dunque, se un uccello non ha una di queste caratteristiche è
impuro. Oltre ai piccioni e le colombe, anche i seguenti uccelli sono puri: il pollo, il fagiano, la quaglia, la pernice, il tacchino,
tutti gli uccelli canterini. Degli uccelli impuri che non sono
specificamente elencati nella Bibbia. Sono i picchi e la famiglia dei
pappagalli (che afferrano un posatoio o un ramo con due dita da ciascun
lato), trampolieri e i gabbiani che non hanno un gozzo,né la doppia
parete muscolare del ventriglio, e spesso non hanno il dito posteriore
o il dito medio anteriore più lungo. In conclusione, va sottolineato
che queste sono delle leggi essenzialmente fisiche, che
regolano il nostro stato di salute, e non il nostro rapporto
spirituale con Yahweh. Quindi non è necessariamente un peccato
spirituale il mangiare dei cibi biblicamente impuri. Tuttavia, se uno
ne mangia per concupiscenza, questo viola il decimo comandamento, e
diviene un peccato. In ogni caso, il cibo sbagliato danneggia il corpo , che
è il tempio dello Spirito Santo, e se continuiamo a contaminare e
violare i nostri corpi, Yahweh Dio ci distruggerà (1 Cor. 3:17).

MARCO 7 E LE CARNI IMPURE
Molti Cristiani (Messianici) professanti, nel tentativo di
aggirare le leggi bibliche alimentari che proibiscano di mangiare le
carni impure, citano Marco 7:19, affermando che tale versetto prova che
Cristo (Messia) aveva dichiarato pure tutte le carni. Se ciò fosse
vero, però, la Bibbia sarebbe in contraddizione con sé stessa. Infatti,
Isaia 66:17 dice chiaramente che il mangiare la carne di maiale è
un indice di degenerazione e sarà punito al ritorno del Messia, ormai
imminente. Inoltre, l´apostolo Pietro, svariati anni dopo la morte e la
risurrezione del Messia (Cristo), dichiarò di non aver mai mangiato
carni impure (Atti 10:14). Ovviamente, se il Messia, in Marco 7, avesse
insegnato ai discepoli che le carni impure erano commestibili, Pietro e
gli altri, da quel tempo in poi, le avrebbero mangiato. Il malinteso,
in Marco 7:19, è principalmente dovuto alla differenza fra la lingua
greca e quella italiana. Il vangelo di Marco fu scritto in greco e la
frase in questione nel testo ispirato, è molto diversa da quella della
maggior parte delle tradizioni italiane. Purtroppo, alcuni traduttori
hanno creduto erroneamente che il Messia, in questo contesto, intendeva
abolire le leggi relative alle carni impure e di conseguenza, nella
loro versione, hanno cambiato la chiara struttura grammaticale del
testo greco originale, aggiungendo per fino dei termini che non
esistano nel testo greco ispirato. Per prima cosa, va sottolineato che
il contesto non ha nulla a che fare con le carni pure e impure! Se
leggete attentamente Marco 7:1-7, troverete che il soggetto del
contesto era la contaminazione cerimoniale e rituale, basata sulle tradizioni degli anziani, e non sulle leggi di Yahweh (cfr. vss. 7,8). È chiaro che il Messia si riferiva alla tradizione farisaica - non
alle leggi che Egli stesso aveva ispirato ed elencato nel Canone
dell´Antico Testamento. Nel versetto 14, il Messia chiarì ulteriormente
l´intero concetto. A un´analisi attenta di questo versetto riscontriamo
che Egli non stava alludendo a specifici tipi o categorie di cibi
o carni. Anzi, Egli stava parlando del modo in cui si mangiava qualsiasi tipo di cibo commestibile (ricordate: secondo la tradizione farisaica, non si poteva mangiare nulla senza essersi lavati cerimoniosamente le mani - vss. 2-4). Nel versetto 15, il Messia disse che la contaminazione spirituale è
possibile solamente per via dei pensieri malvagi, la
vanità, l´orgoglio e altri difetti di carattere (cfr: vs. 23), e
non per via di qualche granello di sporco che può rimanere nelle mani
non lavate, o di qualche tipo di contaminazione cerimoniale ne caso i
contenitori del cibo non venissero lavati cerimoniosamente (cfr.
nuovamente il vs. 4). A questo punto, è possibile comprendere appieno
il significato del versetto 19, spesso in compenso e mal interpretato.
Secondo il testo greco ispirato, il versetto dovrebbe essere tradotto
come lo rende la versione Diodati: <non intendete voi che tutto ciò che di fuori entra nell´uomo [come un
granello di sporco su mani non lavate] non può contaminarlo
[spiritualmente e permanentemente]? Conciossiachè non gli entri nel
cuore, anzi nel ventre, e poi se ne vada nella latrina, purgando tutte
le vivande>>. Ciò vuol dire che anche se colui che mangia non si
è lavato le mani secondo la tradizione degli anziani, il processo
digestivo e d´eliminazione purgano il corpo dalla contaminazione
rituale o reale, compresa la piccola quantità di sporco che può essere
stata ingerita a causa delle mani non lavate. Il punto di tutto il
contesto è che la contaminazione spirituale - quella che conta -
rischia di essere permanente mentre la
contaminazione fisica causata dallo sporco sulle mani è solo temporanea
e non comporta conseguenze eterne per il Messianico (Cristiano). Le
traduzioni italiane che contengano delle parole aggiunte o che
trasformano la frase <<...purgando tutte le vivande>> in una
proposizione completa a sé stante, non sono basate sul testo greco
originale ispirato da Yahweh Dio, ma riflettono dei tentativi disonesti
e fraudolenti di far dire alla Bibbia ciò che in realtà non dice.


LA MORTE (crocifissione) DEL MESSIA (Cristo) NON cambiò la composizione delle CARNE degli animali
Gli animali la cui carne viene digerita ed assimilata propriamente dal corpo umano furano creati come cibo fin dall´inizio. Non
c´è mai stato nessun cambiamento nella struttura del corpo umano né al
tempo del diluvio universale, né alla morte del Messia né in qualsiasi
altro tempo. Allo stesso modo, Yahweh non ha mai cambiato la
composizione della carne degli animale per far sì che quelli animali
che non erano commestibili cambiassero e potessero poi essere digeriti
propriamente, rifornendo il corpo umano delle sostanze giuste e
necessarie. Gli animali impuri erano tali anche prima del diluvio. Notatelo!
Prima del diluvio universale, Noè prese nell´arca - per poter
essere mangiati come cibo - sette coppie di ogni specie di animali
puri, ma degli animali impuri, dei quali egli non doveva mangiare, ne
fece entrare solo una coppia, quanto basta per preservare la
specie. L´implicazione è che gli animali puri addizionali furano presi
a bordo per essere mangiati durante il tempo in cui Noè e la sua
famiglia si trovarono nell´arca. Prima del diluvio, di solito venivano
offerti solo animali puri come sacrifici. Coloro che mangiavano di quei
sacrifici spesso mangiavano anche della carne degli animali, anche se a
quel tempo la loro dieta era costituita principalmente di vegetali.
Dopo il diluvio, Yahweh dette a Noè non solo i vegetali, come parte
principale della dieta, ma anche OGNI TIPO di creature
viventi: animali puri, pesci puri ed uccelli puri (Genesi 9:3; Lev.
11). Genesi 9:3 non dice che ogni creatura vivente che respira è pura e
commestibile, ma dice: <>. Ma ricordate: Yahweh non dette le erbe velenose come
cibo! Egli dette all´uomo solo quelle erbe che sono buone da mangiare.
L´uomo, da solo, può determinare quali erbe sono determinare quali
carni sono dannose. Perciò, Yahweh dovette rivelare all´uomo, nella Sua
Parola, quali sono le carni pure e commestibili. Sin dal tempo del
diluvio universale ogni tipo di animale puro, sano e non
tossico, è commestibile e può essere usato come cibo, proprio come
Yahweh ci dette le erbe salutari e non velenose. Questo brano, quindi,
non ci dà il permesso di fare quello che ci pare e piace! A proposito
delle erbe, è da notare che Iddio non ha specificato chiaramente quale
di esse possono essere propriamente mangiate e quali no a differenza
dell´esattezza con cui ha dato i precetti circa le carni. A parte il
fatto che l´uomo può abbastanza agevolmente discernere le erbe, io
ritengo, anche se non è biblicamente accertato, che questa distinzione
non fu specificata perché Adamo si assunse la prerogativa di decidere
da se il bene ed il male proprio tramite un frutto.

Non è una legge cerimoniale
Le istruzioni contenute in Levitico 11 e Deuteronomio 14, dunque,
non sono delle regole ritualistiche per l´ordinamento religioso
dell´Antico Patto solamente. Perché cosi tanti credano che Yahweh sia
un mostro crudele che impone al Suo popolo delle privazioni assurde?
Tutte le istruzioni che Yahweh ci ha date sono per il nostro bene: non
sono delle restrizioni insensate date per un certo periodo, e destinate
ad essere cambiate per un altro popolo di un periodo diverso.
Ecco dunque delle istruzioni specifiche che riguardano i
mammiferi: <mangiare d´ogni animale che ha l´unghia spartita, il piè forcuto, e che
rumina. Ma non mangerete di quelli che ruminano soltanto, o che hanno
soltanto l´unghia spartita o il piè forcuto; e sono: il cammello, la
lepre, il coniglio, che ruminano ma non hanno l´unghia spartita;
considerateli come impuri; e anche il porco, che ha l´unghia spartita
ma non rumina; lo considererete come impuro. NonServitore di Yahweh) mangerete delle loro carne...>>
(Deut. 14:4-8). La carne di cavallo, quindi, non è commestibile, perché
i cavalli non solo non hanno l´unghia spartita, ma non ruminano.
Analogamente, la carne suina - il prosciutto, la pancetta, le salsicce,
ecc. - e la carne di coniglio sono semplicemente non commestibili. Lo
stesso vale per le cozze, le ostriche, le aragoste, i cani, i serpenti,
i topi e le moffette. L´unico tipo di pesce commestibile è quello dotato sia di pinne sia di squame. La trota, per esempio, possiede ambedue, e quindi è pura, o commestibile. Il
pesce gatto, invece ha le pelle liscia, e quindi è impuro e non
commestibile. È tutta una questione di ciò a cui ci siamo abituati.
Sembra strano e disgustevole sentir dire che alcuni Orientali mangiano
i topi, che li considerano una squisitezza. Molti di loro, però, sono
disgustati all´idea di mangiare delle ostriche melmose e sporche come
fanno gli Occidentali! Molti adulti, proprio come i piccoli bambini,
mangiono tutto ciò che possono afferrare con le mani... Nei
cosiddetti negozi alimentari di<> nelle più grandi
città, potete trovare ogni sorta di <> rare, e
perfino dei <> serpenti a sonagli in scatola... se
proprio v´interessa! Per quanto riguarda me, se lo volete proprio
provare, potete avere anche la mia porzione! A me non interessa affatto
mangiarne, per la stessa ragione per cui non mangio lumache, moffette,
gatti, o capitone, anguilla, e perla stessa ragione per cui non mangio
quando vado in paesi stranieri; come paesi orientali le cose che non
conosco, o in Italia i frutti selvatici, che non conosco, o i funghi
che non conosco (vado spesso a raccogliere i funghi nel bosco). Si, ed
anche per la stessa ragione per cui non riempio il serbatoio della mia
auto benzina con acqua, o con la
sabbia!
( potrete mangiare: il bue [ manzo], la pecora [agnello] e la capra; il cervo, la gazzella, il daino, lo stambecco, l´antilope, il capriolo e il camoscio.



AlleluYah!

HalleluYah!!
(Servitore di Yahweh)
contatti
Siete bene venuti nel nostro FORM Cristiano, che Yahweh sia benedetto in eterno per averci donato il Suo carissimo Figliuolo per la nostra salvezza.
I campi in grassetto sono obbligatori.
leggi l'accettazione privacy  obbligatorio


digita i codici di sicurezza, se più di uno separati da uno spazio



[Realizzazione siti web www.sitoper.it]